Quella sporca dozzina di minuti da dimenticare

Ambrì

A Friburgo i biancoblù vanno subito sotto di tre reti e compromettono le loro chance di successo - Non basta la doppietta di D’Agostini - Cereda: «Dobbiamo giocare i primi tempi per vincerli e non per osservare»

 Quella sporca dozzina di minuti da dimenticare
©PPR/Peter Klaunzer

Quella sporca dozzina di minuti da dimenticare

©PPR/Peter Klaunzer

L’arena friburghese, ristrutturata e alzata di due livelli, sta prendendo forma, ma è ancora un cantiere. Impacchettato, pieno di transenne e divieti d’accesso. Entrano spifferi gelidi e la gente non sa bene dove andare. La difesa leventinese, nei primi 12 minuti di ieri, era fatta allo stesso modo, tra spifferi gelidi e giocatori che non sapevano dove andare. O dove mandare il disco. E così, tra il 2’10’’ e l’11’44’’, il Gottéron ha segnato tre gol, ipotecando il successo. Una doppietta in contropiede di D’Agostini, ancora prima della mezz’ora, ha permesso all’Ambrì di restare in partita fino alla fine, ma non è bastata per sorridere. Il Friburgo è stato più intraprendente, anche se con il passare dei minuti ha perso concretezza. Dal periodo centrale i leventinesi sono riusciti ad alzare...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Hockey
  • 1
  • 1