Tanti segnali incoraggianti in un derby firmato da Carr

Hockey

Il nuovo attaccante canadese trascina il Lugano al successo contro l’Ambrì Piotta

 Tanti segnali incoraggianti in un derby firmato da Carr
Il Lugano festeggiala vittoria nel primo dei due derby amichevoli. ©Ti-Press/FRANCESCA AGOSTA

Tanti segnali incoraggianti in un derby firmato da Carr

Il Lugano festeggiala vittoria nel primo dei due derby amichevoli. ©Ti-Press/FRANCESCA AGOSTA

«Sono uno a cui piace andare nello slot». Si era presentato così negli scorsi giorni Daniel Carr al popolo bianconero. Dalle parole ai fatti il passo è stato brevissimo. Il nuovo attaccante canadese del Lugano è stato il mattatore del primo derby amichevole: ha realizzato una doppietta regalando la vittoria alla squadra di Serge Pelletier a 24 secondi dalla terza sirena. Con un gol dallo slot, ovviamente. Non male, come debutto.

Una buona intensità

Il derby – giocato davanti a soli 483 spettatori... – si è così colorato di bianconero. E nessuno può gridare allo scandalo. Così come se lo avesse vinto l’Ambrì Piotta. Perché dopo un primo periodo in cui il Lugano ha spinto tantissimo, mettendo sovente in seria difficoltà la difesa leventinese, in seguito la sfida è diventata più equilibrata. Oltre...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1 Flavio Viglezio
Ultime notizie: Hockey
  • 1

    Lugano, c’è vita dopo la quarantena

    Hockey

    Raggiunti dal Davos a due secondi dalla terza sirena, i bianconeri si impongono meritatamente all’overtime - Reto Suri: «Dopo due settimane di pausa forzata abbiamo fatto il massimo, giocando con energia e tanto carattere»

  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

    I quattrocento colpi di Diego Kostner

    Hockey

    Stasera a Losanna l’attaccante dell’Ambrì raggiungerà la cifra tonda di presenze in National League: «A 14 anni, finite le scuole medie in Italia, dissi ai miei genitori che volevo andare all’estero per giocare a hockey»

  • 1
  • 1