Hockey su ghiaccio

Testa, Elvis e carattere: il Lugano vince ancora

Zugo battuto 3-0 alla Cornèr Arena con reti di Bertaggia, Lajunen e Lapierre

Testa, Elvis e carattere: il Lugano vince ancora
Seconda partita di fila senza subire reti per il portiere bianconero Elvis Merzlikins. (Foto Chiara Zocchetti)

Testa, Elvis e carattere: il Lugano vince ancora

Seconda partita di fila senza subire reti per il portiere bianconero Elvis Merzlikins. (Foto Chiara Zocchetti)

LUGANO - Concentrato dal primo all’ultimo minuto, il Lugano ottiene il suo secondo successo di fila superando lo Zugo 3-0 con reti di Bertaggia, Lajunen e Lapierre. Per un grande Merzlikins arriva anche il secondo «shutout» consecutivo dopo quello di una settimana prima contro il Davos. La squadra di Ireland, scesa in pista con soli dieci attaccanti, incassa così altri 3 punti fondamentali nell’eterna lotta per un posto nei playoff. Con questo carattere, questa lucidità e questo Elvis, il traguardo è a portata di mano.

La cronaca del match
Gara subito vivace. I primi tre minuti si giocano quasi tutti nel terzo di difesa ospite, ma allo Zugo bastano pochi tocchi per rendersi pericolosi dalle parti di Merzlikins. Lo dimostrano il palo di Everberg al 3’54’’ e l’occasione di Suri al 5’14’’. Al 7’ i bianconeri disinnescano una prima inferiorità numerica, sfiorando il gol in contropiede con Lapierre. Dopo un power-play fallito dal Lugano e una ghiotta chance sprecata da Hofmann, negli ultimi 6 minuti i padroni di casa subiscono altre due penalità.

Nei primi dieci minuti del periodo centrale c’è tanto Zugo, ma Merzlikins è sempre attento. Al 29’34’’ Bertaggia sblocca il risultato con una splendida azione personale, ben preparata da Klasen (recupero difensivo e assist). Un minuto dopo il Lugano si ritrova in superiorità numerica (2’+10’ a Schlumpf), ma non ne approfitta. Al 37’ un aggancio su Hofmann lanciato a rete viene ignorato dagli arbitri. Altri fischi per loro. Poco dopo, in situazione di 4 contro 4, lo Zugo sfiora due volte la rete del pareggio.

Il terzo tempo inizia con due grandi occasioni per lo Zugo e una per Klasen. Bravi i portieri. Al 42’06’’ il Lugano è di nuovo in power-play, ma il raddoppio non arriva. Gli ospiti insistono alla ricerca del pareggio, ma i bianconeri reggono l’urto senza rinunciare a qualche apparizione offensiva. Al 50’54’’ arriva un’altra superiorità numérica per la squadra di Ireland, ma non c’è verso di installarsi nel terzo. Lo scampato pericolo dà allo allo Zugo l’energia per ributtarsi in avanti, ma al 56’13’’, in contropiede, arriva il 2-0 di Lajunen. Già al 56’55’’ gli ospiti decidono di togliere il portiere. Dopo il time-out di Tagnes, Lapierre chiude i conti con il 3-0 a porta vuota al 57’35’’.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Hockey
  • 1