Tim Heed: «Felice di restare, ora Lugano è casa mia»

Hockey

Chiacchierata con il difensore svedese dei bianconeri, confermato fino al termine della stagione: «Ho due bimbi piccoli che parlano già italiano meglio di me»

Tim Heed: «Felice di restare, ora Lugano è casa mia»
© CdT/Gabriele Putzu

Tim Heed: «Felice di restare, ora Lugano è casa mia»

© CdT/Gabriele Putzu

Non è mai stato messo nero su bianco con un comunicato stampa, ma è ufficiale. Tim Heed, il cui contratto scadeva il 15 novembre, ha rinnovato con il Lugano fino a fine campionato. Lo abbiamo incontrato in vista del match con il Ginevra, in programma martedì alla Cornèr Arena.

Colin Heed, 4 anni e mezzo, frequenta l’asilo a Lugano. «Conosce più parole in italiano di quante ne abbia imparate io in questi tre mesi», confessa papà Tim. «Pure la piccola Chloe, un anno e mezzo, è messa meglio di me», aggiunge il difensore svedese. «Sono loro i miei insegnanti. Fortunatamente avrò tempo fino alla primavera per recuperare terreno».

Non è più un segreto. Dopo 4 anni nei San Jose Sharks, Tim ha messo da parte, almeno per un po’, il suo sogno americano. «È bello sapere dove giocherò per il resto della...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Hockey
  • 1
  • 1