Zurkirchen è uscito dal tunnel: «Sono pronto, ma è stata durissima»

Hockey

Il portiere del Lugano è rimasto lontano dal ghiaccio per tre mesi a seguito di una commozione cerebrale e di problemi di equilibrio

Zurkirchen è uscito dal tunnel: «Sono pronto, ma è stata durissima»
© CdT/Gabriele Putzu

Zurkirchen è uscito dal tunnel: «Sono pronto, ma è stata durissima»

© CdT/Gabriele Putzu

Fin qui la stagione di Sandro Zurkirchen è stata un calvario. Un approfondito trattato sulla sfortuna. Anzi, sulla prima legge di Murphy: «Se qualcosa può andar male, lo farà». Breve riassunto. Il 1. ottobre, giorno dell’esordio in campionato contro lo Zurigo, Serge Pelletier decide di puntare sull’altro portiere, Niklas Schlegel. Il risultato? Grande vittoria con «shutout». La sera seguente è in programma un derby alla Valascia, con Schlegel logicamente confermato tra i pali: altra vittoria, altro «shutout». Per il debutto stagionale, Sandro deve attendere la quarta giornata e la trasferta a Friburgo. Finisce 4-2 per i padroni di casa, con Zurkirchen protagonista negativo sul 2-1 di Di Domenico. Una rete che cambia la storia del match. Ma il peggio, per l’ex di Ambrì Piotta e Losanna, deve...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Hockey
  • 1
  • 1