Manca lo spirito e Cereda si arrabbia

Hockey su ghiaccio

Per l’Ambrì un weekend senza punti che non è piaciuto al coach: «Ci vuole più sacrificio da parte di tutti».

Manca lo spirito e Cereda si arrabbia
Per Luca Cereda e l’Ambrì sono arrivate due sconfitte in meno di 24 ore (Foto Keystone).

Manca lo spirito e Cereda si arrabbia

Per Luca Cereda e l’Ambrì sono arrivate due sconfitte in meno di 24 ore (Foto Keystone).

AMBRÌ - «Papà, perché Novotny non ha fatto il grido vichingo sotto la curva?». «Perché quello, figliolo, è un canto di vittoria». È solo un dialogo immaginario, ma avrebbe avuto un suo perché in una triste domenica di pioggia, di pozzanghere, di neve sciolta nel fango. C’è amarezza per l’occasione persa, per quelle urla di gioia rimaste in gola. L’Ambrì Piotta, negli ultimi tempi, aveva coccolato i suoi tifosi, abituandoli a ben altre prestazioni. Stavolta, invece, le automobili incolonnate tra la Valascia e l’autostrada si lasciano alle spalle un weekend senza punti, da dimenticare in fretta.

Sconfitta a Bienne, sconfitta casalinga con il Friburgo. Per l’Ambrì poteva (doveva?) essere il fine settimana dei passi grossi: prima l’assalto al terzo posto, poi l’opportunità di mettere 8 punti tra...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Sport
  • 1

    Il piano d’emergenza dell’UEFA, tra diktat e campi neutri

    Calcio

    Nyon e le 55 federazioni hanno varato un severo protocollo per permettere lo svolgimento delle coppe europee - In caso di contagi in squadra bastano 13 giocatori sul foglio partita - Corridoi d’emergenza in Polonia, Ungheria, Grecia e Cipro

  • 2

    Vaduz in paradiso, Thun retrocesso

    Calcio

    Non basta il successo per 4-3 dei bernesi - In virtù del 2-0 della gara d’andata gli uomini di Frick conquistano la promozione in Super League

  • 3

    «O in più di mille, o ci schiantiamo»

    L’ultimo appello

    Claudius Schäfer e Denis Vaucher chiedono al Governo di salvare lo sport professionistico - Il CEO della Swiss Football League: «Abbiamo più esperienza e diamo grande peso ai nuovi piani di protezione» - «Se non si alza il limite degli spettatori dovremo riflettere a un possibile lockout» avvisa il direttore della Lega hockey

  • 4
  • 5
  • 1
  • 1