Paolo Tramezzani sul trono di Cipro con l’Apoel Nicosia

Calcio

L’ex tecnico del Lugano festeggia la conquista dello scudetto, il suo primo titolo in carriera: «Adesso sogno anche la Coppa» – Spazio anche ai ricordi e ad Angelo Renzetti: «Non riesco ad immaginarmi i bianconeri senza di lui»

Paolo Tramezzani sul trono di Cipro con l’Apoel Nicosia
L’allenatore dell’Apoel Nicosia Paolo Tramezzani. (Foto Zocchetti)

Paolo Tramezzani sul trono di Cipro con l’Apoel Nicosia

L’allenatore dell’Apoel Nicosia Paolo Tramezzani. (Foto Zocchetti)

A Cipro fa caldo. Il termometro segna 37 gradi. «Si sta bene» spiega divertito Tramezzani. Ma non è una questione di clima. Non solo, diciamo. L’ex allenatore del Lugano ha appena vinto il titolo con l’Apoel Nicosia, squadra ereditata il 10 ottobre e – allora – in piena crisi. Oggi la tifoseria della capitale è in festa: siamo allo scudetto numero 28. E attenzione, perché mercoledì prossimo i gialloblù contenderanno la Coppa cipriota all’AEL Limassol. C’è odore di doppietta.

«La soddisfazione è tanta, ma oramai mi conoscete» prosegue l’emiliano. «Non mi fermo a festeggiare, guardo oltre. La Coppa, il prossimo ritiro, i preliminari di Champions. Però sì, sono felicissimo. È il mio primo alloro come allenatore ed è qualcosa di bellissimo».

Bellissimo e sofferto?

«Diciamo che venire a Cipro, rispetto...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Sport
  • 1
  • 1