«Per i miei ultimi Giochi ho studiato il giapponese»

Tokyo 2020

Benjamin Steffen, veterano della spada elvetica, si ritirerà alla fine delle Olimpiadi - A Rio 2016 concluse al quarto posto, ora vuole il podio con la gara a squadre

«Per i miei ultimi Giochi ho studiato il giapponese»
© Keystone/Laurent Gillieron

«Per i miei ultimi Giochi ho studiato il giapponese»

© Keystone/Laurent Gillieron

Comunque vada, per Benjamin Steffen non ci sarà un’altra Olimpiade. Anzi, non ci sarà un’altra gara. «Mi ritirerò alla fine dei Giochi», afferma il veterano della spada rossocrociata, 39 anni.

A Rio arrivò quarto, tra lacrime e orgoglio. A Tokyo, Benjamin Steffen proverà il tutto per tutto nella gara individuale di domenica, da «outsider», ma è nella competizione a squadre di venerdì prossimo, con Max Heinzer, il ticinese Michele Niggeler e la riserva Lucas Malcotti, che il basilese punterà alle medaglie. «Se ripenso al 2016, non provo sentimenti di rivincita», ci dice Benji. «Sono molto sereno, felice e fiero di quanto ho fatto in Brasile, anche se mi è mancato poco per salire sul podio. Da allora ho lavorato altri cinque anni per essere qui. Ci tengo a fare bene, ma è innegabile che le premesse...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Sport
  • 1
  • 1