Calcio

Quando all’allenatore piace parlare

Le dichiarazioni di Fabio Celestini fanno discutere: il tecnico punzecchia la squadra e tradisce il suo calcio – In passato altri mister a Cornaredo scelsero questa strategia, dal «chicchirichì» di Zeman a Pierluigi Tami

Quando all’allenatore piace parlare
L’allenatore del Lugano Fabio Celestini. (Foto Keystone)

Quando all’allenatore piace parlare

L’allenatore del Lugano Fabio Celestini. (Foto Keystone)

Domenica 30 settembre. Il Lugano sta affrontando il Basilea. Qualcosa non va, perlomeno agli occhi del presidente. E così Angelo Renzetti scende in campo, alla Christian Constantin. Si accomoda in panchina e inveisce contro Guillermo Abascal, allora allenatore bianconero. «Basta con questi passaggi, hai capito?» urla il patron allo spagnolo. La partita si conclude sul 2-2, ma Renzetti...

©CdT.ch - Riproduzione riservata

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

Ultime notizie: Sport
  • 1