Benvenuta è la neve, una manna per chi scia

TiSki

Enzo Filippini: «Il numero dei soci è in leggero calo, ma la federazione può contare su due sci club in più»

Benvenuta è la neve, una manna per chi scia
Enzo Filippini, presidente di TiSki. © Ti-Press/Davide Agosta

Benvenuta è la neve, una manna per chi scia

Enzo Filippini, presidente di TiSki. © Ti-Press/Davide Agosta

Benvenuta è la neve, una manna per chi scia
Lo staff di TiSki: da sinistra, Mauro Pini, Anna Gabutti, il presidente Enzo Filippini, Massimo Lurati e Walter Lentschik. © Ti-Press/Davide Agosta

Benvenuta è la neve, una manna per chi scia

Lo staff di TiSki: da sinistra, Mauro Pini, Anna Gabutti, il presidente Enzo Filippini, Massimo Lurati e Walter Lentschik. © Ti-Press/Davide Agosta

Un nuovo logo e un sito rivisitato. Più snello il primo, più agile e ricco di informazioni il secondo. Cambia il «look», ma non lo spirito di chi sostiene le discipline di scivolamento. La vecchia Federazione sci della Svizzera italiana (FSSI), ora denominata TiSki, in fondo è sempre la stessa. Tanti volti noti, alcuni nuovi. E chi svolge le funzioni direttive non ha perso un briciolo di passione per quello che fa. Tanto entusiamo nelle parole del presidente Enzo Filippini, che lamenta una leggera flessione nel numero dei soci (ora 4.547), rallegrandosi però per l’aumento degli sci club affiliati: da 50 a 52. Gli ultimi arrivati sono lo SC Brissago e gli Amici dello sci di Balerna. Parlavamo di novità. Nel settore Freestyle si segnalano le dimissioni di Nicola Quirici dall’incarico di caposettore. Al suo posto è subentrato Mattia Scanzio, fratello di Deborah. Poi c’è stato un cambio della guardia nella persona che svolge lo stage di 52 settimane al fine di conseguire la maturità presso la Scuola professionale per sportivi d’élite (SPSE). Ha concluso Giacomo Papa, ha iniziato Giosué Martinoli. Pure lui cresciuto nella squadra di freestyle e tuttora selezionato nei quadri C di Swiss-Ski (Coppa Europa).

TiSki si muove con agilità tra novità e continuità. Plaude all’arrivo della neve e all’apertura di alcuni impianti invernali. Scivola con eleganza tra i paletti, scartando le difficoltà e affidandosi alle certezze. C’è uno sponsor di vecchia data, Raiffeisen, che garantisce solidità. E che tra l’altro promuove due giornate all’insegna dei giovanissimi, i Kids Ski Day previsti in gennaio, il 19 a Bosco Gurin, il 29 ad Airolo / Lüina. «Sostenere anche l’attività non competitiva è tra le nostre priorità», dice il responsabile del settore promozione Massimo Lurati. Altri obiettivi? «Offrire ai club corsi di aggiornamento (con 300 monitori ed una trentina di esperti), formazioni su misura, giornate speciali e perfino consulenze personalizzate».

Competizioni

Poi, certo, c’è anche il capitolo competizioni. Mauro Pini e Anna Gabutti (il primo responsabile dello sci alpino, la seconda in forza all’amministrazione e al segretariato di TiSki) si sono fatti portavoce dei colleghi delle altre discipline: sci nordico, freestyle e snowboard.

Progettualità era ed è ancora una parola d’ordine. Lo sci si è aperto alle scuole. E il progetto «Ski&School Team» non solo è cresciuto, ma si è pure rafforzato. «La collaborazione con la SPSE di Tenero procede a gonfie vele», dice Pini.

Studio a distanza

Il sistema di studio a distanza è stato messo alla prova in una trasferta di tre settimane in Cile. «Una trasferta utile anche per la sicurezza acquisita dai ragazzi. Sono certo che vedremo migliori risultati sulla neve. Le squadre del settore hanno svolto anche i classici campi d’allenamento a Zermatt, a Saas-Fee, allo Stelvio e a Les Deux Alpes. I primi test sono stati promettenti», ha aggiunto Pini ricordando che la base dei giovani competitivi si è allargata. «Ve ne sono una ventina. Le punte dell’Iceberg sono Joel De Taddeo e Ginevra Ostini». Un ringraziamento è poi andato a Roberto Boselli, che ha lasciato la responsabilità degli U18 ad Alessandro Lazzarini, già allenatore U16 e preparatore fisico. Un altro è stato rivolto a Patrik Schanz, che ha alle spalle più di vent’anni di esperienza come allenatore giovanile. Quest’ultimo si occupa ora della squadra U14/U16.

Freestyle

Grazie allo Sci & Snowboard Club Bellinzona, nella capitale si terrà il Big Air Show (5 gennaio). Tra il 13 e il 19 febbraio non mancheranno gli appuntamenti dell’Europa Cup di Moguls (Airolo e Prato Leventina), nonché gli Aerials, sempre ad Airolo. Due nuovi camp EYFA avranno luogo a Bosco Gurin (2-6 gennaio) e a Campo Blenio (24-28 gennaio).

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Sci
  • 1
  • 1