«Un grande spettacolo ma anche desolazione»

Sci alpino

Piero Gros parla della Coppa del mondo al tempo del coronavirus: «Volenti o nolenti i campioni devono adattarsi»

«Un grande spettacolo ma anche desolazione»
La ticinese Lara Gut-Behrami ha staccato l’8. tempo nella prima prova in vista delle libere di Crans Montana.

«Un grande spettacolo ma anche desolazione»

La ticinese Lara Gut-Behrami ha staccato l’8. tempo nella prima prova in vista delle libere di Crans Montana.

La Coppa del mondo è arrivata a metà del suo percorso. A guidare le classifiche generali sono il francese Alexis Pinturault e la slovacca Petra Vlhova, ma l’interesse è centrato sulle singole gare, spesso di altissimo livello. Ne abbiamo parlato con Piero Gros.

«Sulle piste non dovrebbe esserci pubblico, ma non è proprio sempre così. Al traguardo ci sono tribune vuote e ti assale un senso di desolazione». Lo dice l’ex campione e fenomeno delle prove tecniche ai tempi di Gustav Thöni e Ingemar Stenmark, oggi commentatore specializzato della RSI».

È difficile fare confronti, anche solo se ripensiamo a com’era fino a un paio di stagioni fa. Ma quali impressioni possiamo ricavare da quanto visto, fin qui? «Questo sci – risponde Gros – soprattutto sul piano sportivo e televisivo, resta uno spettacolo...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Sci
  • 1
  • 1