Calcio

Se l’allenatore dice di temere la sua squadra

Fabio Celestini ha puntato il dito contro i giocatori del Lugano: una strategia molto rischiosa in vista di Sion

Se l’allenatore dice di temere la sua squadra
Il tecnico del Lugano Fabio Celestini. (Foto Putzu)

Se l’allenatore dice di temere la sua squadra

Il tecnico del Lugano Fabio Celestini. (Foto Putzu)

E così Fabio Celestini ha paura della sua squadra. Per carità, l’allenatore del Lugano poco dopo si è rimangiato la frase. Quantomeno ha smussato i toni, preso com’era da un evidente imbarazzo. Ad ogni modo, la frittata a livello comunicativo è bella che servita. Adesso sappiamo che i bianconeri – agli occhi del loro condottiero – sono una formazione schizofrenica. Capace del meglio...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Sport
  • 1