Il caso Djokovic è già materia per Netflix

SERIE TV

Annunciata la collaborazione della ATP, della WTA e dei tornei dello Slam con il colosso dello streaming

Il caso Djokovic è già materia per Netflix
© EPA/DIEGO FEDELE

Il caso Djokovic è già materia per Netflix

© EPA/DIEGO FEDELE

Il caso di Novak Djokovic e delle dispute con il governo australiano potrebbe presto approdare come docuserie sulla più grande piattaforma mondiale di streaming: Netflix. Gli sceneggiatori sarebbero già all’opera per realizzare un lungometraggio in collaborazione con l’associazione ATP, con la WTA e con i tornei del Grande Slam e una troupe sarebbe al lavoro in Australia.

Già un anno fa, proprio nel corso dall’Australian Open, Djokovic aveva annunciato l’inizio delle riprese di un documentario sulla sua presenza in cima alla classifica ATP. Il campione serbo aveva infatti stabilito un record storico per il maggior numero di settimane di permanenza in vetta al ranking mondiale. Il progetto era però slittato, fino alla notizia di oggi sulla realizzazione della docuserie in collaborazione con Netflix

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Tennis
  • 1

    Ora anche il Roland Garros mostra i muscoli a Djokovic

    Tennis

    Il ministro dello Sport francese Roxana Maracineanu annuncia la stretta per le competizioni sportive aperte al pubblico: «Negli impianti passaporto vaccinale obbligatorio per tutti, anche per gli atleti» – Il campione serbo intanto è rientrato a casa

  • 2

    Djokovic è atterrato a Belgrado

    serbia

    L’aereo che ha riportato in patria il campione serbo è atterrato alle 12.16 all’aeroporto Nikola Tesla – La sua espulsione dall’Australia campeggia su tutte le prime pagine dei quotidiani belgradesi con termini quali «scandalo» e «vergogna»

  • 3
  • 4
  • 5

    La sconfitta più bruciante

    Tennis

    L’espulsione dall’Australia, confermata senza sorpresa dalla Corte federale, getta diverse ombre su Novak Djokovic e il suo futuro - «L’immagine di Nole è sporcata, le sue imperfezioni sono di natura etica: il tennista, però, è risorto più volte» afferma il giornalista Stefano Meloccaro

  • 1
  • 1