L’ambiente irrompe nell’agenda di Roger Federer

Il caso

L’hashtag #RogerWakeUpNow ha caratterizzato il weekend su Twitter, coinvolgendo anche Greta Thunberg - Il basilese non ha tardato a rispondere, con diplomazia - L’intervista al prof. Patrick Cotting

 L’ambiente irrompe nell’agenda di Roger Federer
©EPA/David Crosling ©EPA/Patrick Seeger

L’ambiente irrompe nell’agenda di Roger Federer

©EPA/David Crosling ©EPA/Patrick Seeger

Strumentalizzato. Non gli era capitato molte altre volte, perlomeno non in questi termini, non attraverso un hashtag così diretto e aggressivo: #RogerWakeUpNow. Un hashtag che sabato si è trasformato in una tendenza, sui social media, anche perché ad alimentarlo è stata, con un retweet, tra gli altri, Greta Thunberg. Greta contro Roger: eccolo il titolo per i siti sabato e per i quotidiani della domenica. Un titolo ideale, che porta clic e condivisioni e che di colpo ha esposto Roger Federer all’imbarazzo, un imbarazzo forzato, strumentalizzato ecco.

Il processo

Il basilese, a dire il vero, in passato era già stato criticato per il suo legame di sponsoring con Credit Suisse - sì, tutto nasce da questo rapporto, non raro, tra una star dello sport e un colosso bancario - Federer era finito nel...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Tennis
  • 1
  • 1