«Neanche un erroraccio arbitrale tolse a Roger il primo titolo ATP»

La storia

Esattamente 20 anni fa, il 4 febbraio del 2001, sua maestà Roger Federer conquistava il primo torneo ATP della sua eterna carriera - A raccontarci come andò è Julien Boutter, che quella finale la perse

«Neanche un erroraccio arbitrale tolse a Roger il primo titolo ATP»
Sono trascorsi esattamente 20 anni, dalla finale giocata a Milano tra Julien Boutter e Roger Federer. © Keystone/Karl Mathis

«Neanche un erroraccio arbitrale tolse a Roger il primo titolo ATP»

Sono trascorsi esattamente 20 anni, dalla finale giocata a Milano tra Julien Boutter e Roger Federer. © Keystone/Karl Mathis

Julien Boutter oggi ha 46 anni. Ha abbandonato il mondo del tennis da parecchio, in tasca un titolo a Casablanca nel 2002 e - all’apice - il 46. posto della classifica mondiale. La finale giocata a Milano, la prima delle due acciuffate lungo il suo percorso, però non la scorderà mai. Di fronte Roger Federer, il predestinato. A sua volta desideroso di lasciare finalmente il segno nella storia dello sport. Ma probabilmente - anzi quasi sicuramente - inconsapevole che a quella meneghina, avrebbero fatto seguito altre 102 finali vinte. Venti delle quali valide per un Grande Slam. «Non posso andare fiero di quella partita, che ho pur sempre perso» ci confida al telefono, ridacchiando, l’ex tennista francese. «Ad ogni modo, quel che è certo è il legame indissolubile che mi vincola a uno dei più grandi...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Tennis
  • 1
  • 1