«A 10 anni di distanza pagherei per avere un’altra chance»

pugilato

Il 26 novembre del 2010 a Bolton si spezzò il sogno europeo di Ruby Belge: «Non riesco a togliermi dalla testa quel match contro Matthew Hatton. Vale più di tutte le vittorie»

«A 10 anni di distanza pagherei per avere un’altra chance»
©Ti-Press/Gabriele Putzu

«A 10 anni di distanza pagherei per avere un’altra chance»

©Ti-Press/Gabriele Putzu

Il guantone sinistro di Matthew Hatton che scava nel corpo, a pochi centimetri dal fegato. Il dolore è lancinante. Un ginocchio a terra, poi l’altro. Ancora qualche secondo. Infine, la resa. Sono trascorsi esattamente 10 anni dal match e dal pugno che spezzarono il sogno europeo di Ruby Belge. L’ex pugile rivive per noi l’amara e indimenticabile notte di Bolton.

«Ci penso spesso. È l’incontro a cui tengo maggiormente. Quello che non riesco a togliermi dalla testa. Vale più di tutte le vittorie». Ruby Belge, da combattente autentico quale è stato, non abbassa lo sguardo. E affronta il passato a testa alta. Nonostante quel 26 novembre del 2010 bastarono tre riprese - e un sinistro chirurgico - per andare al tappeto. Troppo forte Matthew Hatton, più del coraggio, dell’ambizione e dei sogni di...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: TuttoSport
  • 1
  • 1