Bach: «Salute degli atleti sempre considerata»

Olimpiadi

Il presidente del CIO ha precisato le motivazioni che hanno portato al rinvio dei Giochi di Tokyo

Bach: «Salute degli atleti sempre considerata»
©EPA/Jean-Christophe Bott

Bach: «Salute degli atleti sempre considerata»

©EPA/Jean-Christophe Bott

«Abbiamo monitorato la situazione mettendo la salute e la sicurezza degli atleti al primo posto, la loro voce è sempre stata presa in considerazione ed ha giocato un ruolo centrale». Così il presidente del Comitato internazionale olimpico Thomas Bach ha motivato il rinvio di un anno dei Giochi olimpici di Tokyo, inizialmente previsti per quest’estate. In una conferenza telefonica, mercoledì il numero uno del CIO ha fatto luce sulla genesi che ha portato allo spostamento dell’evento giapponese: «All’inizio eravamo concentrati sul virus in Giappone, ma visti i progressi che si stavano facendo nel Paese ci siamo focalizzati sul lato internazionale. Pensavamo che adattando le regole si sarebbero potute tenere le Olimpiadi, ma il diffondersi dell’epidemia ci ha fatto dubitare che gli atleti di tutto il mondo potessero partecipare». A corroborare l’ipotesi del rinvio sono inoltre stati i report dell’OMS. «Erano abbastanza allarmanti negli ultimi giorni, la diffusione del coronavirus stava accelerando» ha ammesso Bach. Di qui l’inevitabile decisione di spostare di un anno i Giochi, accolta favorevolmente dagli atleti e dalle federazioni.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: TuttoSport
  • 1
  • 1