«Da Mila e Shiro all’impresa rossocrociata»

Pallavolo

La ticinese Thays Deprati, libero della nazionale svizzera, ci parla di sé e della storica qualificazione agli Europei

 «Da Mila e Shiro all’impresa rossocrociata»
Thays Deprati, 26 anni, in azione durante la partita di mercoledì contro l’Austria (Foto Keystone).

«Da Mila e Shiro all’impresa rossocrociata»

Thays Deprati, 26 anni, in azione durante la partita di mercoledì contro l’Austria (Foto Keystone).

Ieri, nonostante la sconfitta casalinga contro l’Austria (2-3), la Nazionale svizzera femminile ha ottenuto una storica qualificazione agli Europei di quest’anno. Ne parliamo con l’unica ticinese in campo, Thays Deprati, libero titolare della selezione rossocrociata.

Thays, come ci si sente dopo aver scritto una pagina di storia del volley svizzero?

«Fino a stamattina non avevo ancora realizzato del tutto. Poi, una volta scesa dal letto e preso in mano il telefono, ho iniziato a leggere qualche articolo e tantissimi messaggi, rendendomi conto di aver fatto qualcosa di enorme».

La qualificazione era un obiettivo?

«Già quattro anni fa il nostro allenatore, Timo Lippuner, ci aveva detto che forse, nel 2018, avremmo avuto una chance. A quei tempi nessuno ci credeva veramente, ma quest’estate qualcosa...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: TuttoSport
  • 1
  • 1