Ciclismo

Grave incidente per Domenico Pozzovivo

Il corridore italiano che risiede a Morcote è stato investito da un’auto nel Cosentino mentre si stava allenando

Grave incidente per Domenico Pozzovivo
Domenico Pozzovivo nel 2018 alla Liegi-Bastoigne-Liegi. (Foto Wikipedia)

Grave incidente per Domenico Pozzovivo

Domenico Pozzovivo nel 2018 alla Liegi-Bastoigne-Liegi. (Foto Wikipedia)

COSENZA - «Oggi hanno messo fine alla mia carriera»: sono le poche parole che Domenico Pozzovivo ha detto in una drammatica telefonata fatta subito dopo essere stato investito alla moglie Valentina Conte. La donna, adesso, è in ospedale, al fianco del marito, sedato per non farlo affaticare e per alleviare un po’ i dolori per le brutte ferite riportate.

Il 36.enne corridore italiano del team Bahrain-Merida, domiciliato a Morcote, è stato investito ieri da un’auto mentre si stava allenando sulla strada che conduce a Laurignano, nel Cosentino. L’incidente è avvenuto in prossimità di un incrocio. Il conducente dell’auto, una Fiat Grande Punto, ha subito chiesto l’intervento del 118. Il ciclista è stato trasferito nell’ospedale di Cosenza e ha riportato una frattura al braccio e alla tibia. «E’ dolorante, è fuori pericolo ma la situazione è seria» ha detto la moglie all’ANSA. Stamani, quando si è svegliato, ha chiesto solo «fatemi tornare a casa».

Il primario del reparto di ortopedia Gualtiero Cipparrone gli ha praticato un’»osteosintesi con chiodo endomidollare bloccato» per rimettere in asse la gamba. Più complicata, invece, la situazione del gomito che presenta una frattura pluriframmentata ed esposta. I medici hanno effettuato una pulizia approfondita della ferita e una riduzione della frattura. Pozzovivo sarà sottoposto anche ad altri accertamenti. Il 36enne potrà cominciare ad alzarsi fra due settimane ma, spiega la Gazzetta dello Sport, non ha speranze sul futuro in bici.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: TuttoSport
  • 1
  • 2
  • 3
    Corsa d’orientamento

    Svizzera d’argento in staffetta

    Il bilancio rossocrociato dei primi mondiali esclusivamente boschivi è di 4 medaglie: due arrivate da Simona Aebersold (bronzo nella long e argento nella middle), una da Daniel Hubmann (bronzo nella long) e l’ultima, d’argento, conquistata da Sabine Hauswirth, ancora la Aebersold e Julia Jakob in staffetta

  • 4
    beach volley

    Heidrich/Vergé-Dépré in finale al Mosca

    Le due ragazze elvetiche domenica giocheranno l’atto conclusivo della tappa del World Tour nella capitale russa affrontando la coppia brasiliana Taiana Lima/Talita

  • 5
    Ciclismo

    Uno come Gimondi non morirà mai

    Era simbolo di un’Italia felice e ancora in bianco e nero, ha concluso la sua corsa in Sicilia per un malore – Campione dal talento purissimo, ebbe il privilegio di trovare sulla sua strada il Cannibale Eddy Merckx

  • 1