«Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

Tokyo 2020

Una vasca di affetto e di entusiasmo per Noè Ponti, prima all’aeroporto di Kloten, poi sul treno diretto verso il Gambarogno - Il racconto di un viaggio insieme alla medaglia di bronzo ticinese

 «Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»
Ritratto di famiglia con medaglia: Noè festeggia con mamma, papà, zio, sorella e cuginetti.

«Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

Ritratto di famiglia con medaglia: Noè festeggia con mamma, papà, zio, sorella e cuginetti.

 «Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»
© CdT/Gabriele Putzu

«Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

© CdT/Gabriele Putzu

 «Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

«Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

 «Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

«Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

 «Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

«Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

 «Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

«Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

 «Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

«Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

 «Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

«Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

 «Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

«Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

 «Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

«Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

 «Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

«Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

 «Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

«Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

 «Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

«Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

 «Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

«Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

 «Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

«Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

 «Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

«Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

 «Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

«Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

 «Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

«Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

 «Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

«Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

 «Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

«Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

 «Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

«Ho già l’agenda piena, ma il futuro non mi spaventa»

Noè Ponti è tornato a casa. E, uno a uno, si è ripreso tutti gli abbracci mancati a Tokyo. La medaglia di bronzo è sempre lì, un po’ esibita, un po’ protetta. Prima all’aeroporto di Kloten, una vasca di affetto ed entusiasmo. Poi sul treno diretto verso il Gambarogno. Dal quale era partito tre settimane fa con una valigia carica di speranze. Da ragazzo tutto sommato normale. E dove ieri, invece, è rientrato da super eroe. Con tutto ciò che ne deriva.

Per un piccolo tratto, in questo ritorno al futuro, abbiamo accompagnato Noè. Negli occhi la felicità, certo, ma anche tanta stanchezza. E il desiderio, interpretiamo, di buttarsi quanto prima a letto. Sogni e realtà, da sabato, sono fatti della stessa sostanza. «Anche le ultime due nottate, che ho sfruttato per svagarmi un po’, non hanno forse...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: TuttoSport
  • 1
  • 2
  • 3

    Quel miracolo contro Liston che proiettò Ali nella leggenda

    Paso Doble

    Il 17 gennaio del 1942, a Louisville nel Kentucky, nasceva «The Greatest» - L’indimenticato pugile, scomparso il 3 giugno del 2016, oggi avrebbe compiuto 80 anni - Lo ricordiamo ripercorrendo lo storico exploit che, nel febbraio del 1964, gli valse il primo titolo mondiale nei pesi massimi

  • 4
  • 5

    Modello ispirato al calcio per una formula dinamica

    Bocce

    Giovanni Rapaglià è il presidente della CNTA, la commissione che sta elaborando il passaggio alla categoria Élite «Presenteremo al comitato centrale un concetto motivante e funzionale» - Il pensiero è rivolto anche alla nazionale

  • 1
  • 1