I Lakers salutano Kobe Bryant: brividi e lacrime a Los Angeles

L’addio

Oltre 20 mila maglie del campione di basket sui seggiolini dello Staples Center, il cantante Usher dedica «Amazing Grace», le parole di LeBron James: «Abbiamo il cuore a pezzi, vivrai per sempre» - FOTO e VIDEO

I Lakers salutano Kobe Bryant: brividi e lacrime a Los Angeles

I Lakers salutano Kobe Bryant: brividi e lacrime a Los Angeles

I Lakers salutano Kobe Bryant: brividi e lacrime a Los Angeles

I Lakers salutano Kobe Bryant: brividi e lacrime a Los Angeles

I Lakers salutano Kobe Bryant: brividi e lacrime a Los Angeles

I Lakers salutano Kobe Bryant: brividi e lacrime a Los Angeles

I Lakers salutano Kobe Bryant: brividi e lacrime a Los Angeles

I Lakers salutano Kobe Bryant: brividi e lacrime a Los Angeles

I Lakers salutano Kobe Bryant: brividi e lacrime a Los Angeles

I Lakers salutano Kobe Bryant: brividi e lacrime a Los Angeles

I Lakers salutano Kobe Bryant: brividi e lacrime a Los Angeles

I Lakers salutano Kobe Bryant: brividi e lacrime a Los Angeles

I Lakers salutano Kobe Bryant: brividi e lacrime a Los Angeles

I Lakers salutano Kobe Bryant: brividi e lacrime a Los Angeles

I Lakers salutano Kobe Bryant: brividi e lacrime a Los Angeles

I Lakers salutano Kobe Bryant: brividi e lacrime a Los Angeles

I Lakers salutano Kobe Bryant: brividi e lacrime a Los Angeles

I Lakers salutano Kobe Bryant: brividi e lacrime a Los Angeles

Un omaggio da brividi quello andato in scena ieri allo Staples Center di Los Angeles. Prima, durante e dopo la partita contro Portland, i Lakers hanno ricordato la leggenda del basket Kobe Bryant, tragicamente scomparsa lo scorso 26 gennaio in un incidente di elicottero. Tante emozioni e lacrime, fino alle toccanti parole del fenomeno gialloviola LeBron James. «La prima cosa che penso è il senso di famiglia; guardandomi intorno vedo tutti in lutto, stiamo soffrendo, abbiamo il cuore a pezzi: l’unica cosa da fare è appoggiarsi alla famiglia. Chi è qui fa parte di una famiglia e so che Kobe, Gianna, Vanessa, tutta la famiglia Bryant, vi ringraziano dal profondo del cuore. Celebriamo un ragazzo arrivato a 18 anni e rimasto fino a 38, diventato il miglior padre. Con i compagni vogliamo portare avanti la sua eredità. Non verrai mai dimenticato e vivrai per sempre, fratello», ha detto James, citato dall’Ansa.

Su ognuno degli oltre 20 mila posti per gli spettatori è stata appoggiata una maglia di Bryant, il cantante Usher ha intonato «Amazing Grace», il violoncellista Ben Hong ha emozionato il pubblico con il suo strumento, un silenzio di 24.2 secondi e poi lo speaker ha chiamato tutti i giocatori col nome «Kobe Bryant». Le due squadre, durante la gara, hanno volontariamente commesso due infrazioni di 24 secondi e 8 secondi, proprio come i numeri delle maglie indossate dal campione. La prima partita di NBA dei Lakers dopo la tragedia si è trasformata nella serata del ricordo. A bordocampo sono state lasciate libere le due sedie su cui Kobe e la figlia Gianna, anche lei deceduta nello schianto, si sono seduti l’ultima volta, il 29 dicembre del 2019. A loro posto due maglie. E un mazzo di rose.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: TuttoSport
  • 1
  • 1