Il sogno olimpico di Benz pensando a Parigi 2024

Windsurf

Campione svizzero assoluto nello scorso mese di settembre a Silvaplana, il rappresentante del Circolo velico lago di Lugano è reduce dagli Europei di Marsiglia: «Non è andata come speravo, ma l’esperienza è stata utilissima in proiezione futura»

Il sogno olimpico di Benz pensando a Parigi 2024
Il luganese Matteo Benz (a destra) in occasione dei campionati nazionali di windsurf disputati durante la scorsa estate sul lago di Silvaplana.

Il sogno olimpico di Benz pensando a Parigi 2024

Il luganese Matteo Benz (a destra) in occasione dei campionati nazionali di windsurf disputati durante la scorsa estate sul lago di Silvaplana.

Matteo Benz era un ragazzino che giocava a calcio nel Cademario. Aveva però capito presto che quello non sarebbe stato il suo sport. Oggi, a 22 anni, è sicuro di aver fatto una buona scelta: si è innamorato del windsurf. «Sono reduce dagli Europei di Marsiglia. Purtroppo, sul piano competitivo, non è proprio andata come avrei voluto. Ad ogni modo, quello che contava di più, almeno per me, era vivere una nuova esperienza. Da questo punto di vista, non ho niente da recriminare. Si è rivelata utilissima in proiezione futura», ha detto il windsurfista del Circolo Velico lago di Lugano. Matteo è da poco tornato dalla trasferta in Francia, affrontata con il compagno di società Elia Colombo e con Sebastian Schärer, un bel terzetto accompagnato dal coach nazionale.

Con l’appuntamento continentale la...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: TuttoSport
  • 1
  • 2
  • 3

    Quel miracolo contro Liston che proiettò Ali nella leggenda

    Paso Doble

    Il 17 gennaio del 1942, a Louisville nel Kentucky, nasceva «The Greatest» - L’indimenticato pugile, scomparso il 3 giugno del 2016, oggi avrebbe compiuto 80 anni - Lo ricordiamo ripercorrendo lo storico exploit che, nel febbraio del 1964, gli valse il primo titolo mondiale nei pesi massimi

  • 4
  • 5

    Modello ispirato al calcio per una formula dinamica

    Bocce

    Giovanni Rapaglià è il presidente della CNTA, la commissione che sta elaborando il passaggio alla categoria Élite «Presenteremo al comitato centrale un concetto motivante e funzionale» - Il pensiero è rivolto anche alla nazionale

  • 1
  • 1