Atletica

L’élite svizzera all’ombra dei castelli

Il primo settembre scatterà in un Comunale rifatto a nuovo la nona edizione del prestigioso meeting bellinzonese

L’élite svizzera all’ombra dei castelli
La campionessa europea in carica Lea Sprunger sarà al via dei 400 m ostacoli. (Foto Keystone)

L’élite svizzera all’ombra dei castelli

La campionessa europea in carica Lea Sprunger sarà al via dei 400 m ostacoli. (Foto Keystone)

BELLINZONA - Lea Sprunger, Mujinga Kambundji, Fabienne Schlumpf, Kariem Hussein, Selina Büchel e Ajla Del Ponte: questi, per ora, i nomi altisonanti dell’atletica svizzera che saranno ai nastri di partenza della nona edizione del Galà dei castelli di Bellinzona. «Ai corridori piace sempre venire in Ticino perché sentono la vicinanza del comitato nonché il calore del pubblico», ha detto nella conferenza stampa tenutasi ieri all’Helsana Business Center Alessandro Lafranchi, presidente della manifestazione. «Pensate che, addirittura, il coach della Kambundji sarà presente a Bellinzona per assistere la propria prediletta, mentre, di solito, agli altri meeting non va. Ciò dimostra l’importanza crescente del nostro Galà», ha aggiunto Beat Magyar, uno dei direttori sportivi dell’evento. «Non dimentichiamo, poi, che gli atleti correranno nella propria disciplina. La considerazione non è per niente scontata. Fino a qualche anno fa, infatti, per convincere sportivi del calibro della Sprunger a partecipare al nostro meeting, dovevamo trovare dei compromessi e accettare che gareggiassero su distanze non loro. Oggi non è più così. Adesso, una come la Sprunger ci chiama e ci dice che viene a fare i 400 m a ostacoli», ha continuato Magyar.

Tante le novità per il 2019, ad iniziare dalla data. La manifestazione è in programma domenica 1. settembre, con inizio alle 17.30. Una scelta strategica su più fronti. Innanzitutto, correre la sera di un fine settimana permette di aumentare il numero degli spettatori. Uno degli obiettivi del comitato organizzativo, in effetti, è di superare le 6.000 unità fatte registrare nel 2018. In secondo luogo, l’appuntamento all’ombra dei castelli si inserisce perfettamente dopo la Weltklasse di Zurigo: le star svizzere faranno quindi il loro saluto prima di partire per i Mondiali di Doha proprio a Bellinzona. Infine, l’appuntamento capitolino s’inserisce tra le due finali di Diamond League di Zurigo e Bruxelles: molti atleti di punta cercheranno perciò di proporre una buona prestazione. Altra novità: l’adesione all’European Athletics nella categoria Classic, richiesta dalla Federazione svizzera di atletica. L’associazione, di cui fanno già parte altri meeting elvetici come quelli di Berna, La Chaux-de-Fonds e Ginevra, dovrebbe portare al Galà maggiore visibilità a livello europeo. Cambiano anche le strategie comunicative: il comitato d’organizzazione si è reso conto dell’importanza dei social media nella promozione dell’evento e si è, di conseguenza, affidata ad un’azienda specializzata nel settore.

Novità anche in ambito sportivo: rispetto alla passata edizione si passa da 12 a 13 gare. In campo maschile, oltre alla riconferma dei 100 m, dei 110 m ostacoli, dei 400 m ostacoli, si aggiungono i 400 m, i 1.500 m e il lancio del peso. In quello femminile, invece, ai riproposti 100 m e ai 100 m ostacoli si accostano le novità dei 400 m ostacoli, degli 800 m, dei 3.000 m nonché del salto in alto e di quello con l’asta.

Capitolo stadio. La struttura, dice Lafranchi, sarà sicuramente pronta per il 1. di settembre, data d’inaugurazione. «I lavori dovranno essere terminati per il 31 luglio e, in questo senso, nell’ultimo periodo la ditta che se ne occupa ha triplicato il personale per essere sicura di rispettare i tempi» ha continuato il presidente del meeting bellinzonese.

A livello pratico, il rettilineo dei 100 m ha ora a disposizione otto corsie: ciò permetterà di rendere la gara più interessante e competitiva perché si può avere un numero maggiore di corridori in pista. Inoltre, nelle curve, è stato adottato il raggio olimpico permettendo di aumentare la velocità degli atleti. Si è anche posato un nuovo manto elastico per il salto in alto così da poter riproporre la disciplina. Per quanto riguarda il pubblico, gli spalti lato Daro sono stati ampliati in modo da accogliere 1.500 persone in più. «In aggiunta, sempre dietro gli spalti lato Daro, abbiamo fatto fare un piazzale in cui poseremo una tribuna mobile che consentirà di accogliere ancora più spettatori, da un lato, e di proporre, dall’altro, il salto con l’asta. I presenti potranno quindi avere una buona visuale su questa disciplina» ha spiegato Lafranchi.

Ricordiamo infine che per la nuova edizione è stata rinnovata la collaborazione con Inclusione andicap Ticino.

DA SAPERE

L’appuntamento

1. settembre, inizio alle 17.30 allo stadio comunale di Bellinzona.

Le gare internazionali

Uomini: 100 m, 110 m hs, 400 m, 400 m hs, 1.500 m e lancio del peso.

Donne: 100 m, 100 m hs, 400 m hs, 800 m, 3.000 m, salto in alto e salto con l’asta.

Le gare giovanili - FTAL

U16 e U18: 100 m e 600 m.

I sicuri partecipanti

Lea Sprunger, Mujinga Kambundji, Fabienne Schlumpf, Kariem Hussein, Selina Büchel e Ajla Del Ponte.

I biglietti

Disponibili da subito in prevendita o la sera della gara. Tribuna: galadeicastelli.ch / Cartoleria Elia Colombi SA / Bellinzona Sig. Alessandro Lafranchi. Spalti e tribuna spalti: biglietteria.ch / galadeicastelli.ch / Cartoleria Elia Colombi SA, Bellinzona Sig. Alessandro Lafranchi. I biglietti in prevendita sono disponibili a prezzi ridotti.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: TuttoSport
  • 1
    Ciclismo

    Uno come Gimondi non morirà mai

    Era simbolo di un’Italia felice e ancora in bianco e nero, ha concluso la sua corsa in Sicilia per un malore – Campione dal talento purissimo, ebbe il privilegio di trovare sulla sua strada il Cannibale Eddy Merckx

  • 2
  • 3
    Sport

    È morto Felice Gimondi

    Lutto nel mondo del ciclismo italiano: l’ex campione bergamasco è morto stasera dopo un malore, mentre si trovava in vacanza in Sicilia - LE FOTO

  • 4
    Corsa d’orientamento

    Simona Aebersold d’argento nella middle

    Sul podio lungo anche Sabine Hauswirth, che dietro alla russa Natalia Gemperle e alla finlandese Venla Harju, medagliate di bronzo a pari merito e all’altra finlandese Marika Teini si piazza al sesto rango - Delude la ticinese Elena Roos - al 28. posto - che puntava ad entrare nelle top ten

  • 5
  • 1