«Le 18 buche del GC Lugano festeggiano i cinquant’anni»

Golf

Il ricordo del professionista Giuseppe Parisi, che arrivò a Magliaso nel 1970 - Negli anni Ottanta e Novanta Langer, Rocca e Faldo arrivarono per delle esibizioni

«Le 18 buche del GC Lugano festeggiano i cinquant’anni»
Giuseppe Parisi ha passato una vita a Magliaso, sul campo del Golf Club Lugano.

«Le 18 buche del GC Lugano festeggiano i cinquant’anni»

Giuseppe Parisi ha passato una vita a Magliaso, sul campo del Golf Club Lugano.

Nel 2023 il Golf Club Lugano festeggerà i cent’anni del circolo. Meglio, del campo sul quale ha costruito la sua storia. Anche il 2021 merita comunque un accenno. Ricorrono infatti i cinquant’anni della realizzazione delle 18 buche che erano state create nel 1971. «Fino ad allora erano 9 e venivano giocate due volte con partenze diverse. Ricordo bene questo cambiamento epocale», racconta Giuseppe Parisi la cui prima lezione data a Magliaso risale al 19 marzo 1970. A Magliaso, in quegli anni, il professionista di riferimento era Otto Schöpfer che, come giocatore, aveva rappresentato la Svizzera in grandi appuntamenti agonistici internazionali. Quello era il periodo in cui brillavano stelle mondiali come l’americano Jack Nicklaus o il sudafricano Gary Player. Il professionista torinese - e torinista,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: TuttoSport
  • 1
  • 2
  • 3

    Quel miracolo contro Liston che proiettò Ali nella leggenda

    Paso Doble

    Il 17 gennaio del 1942, a Louisville nel Kentucky, nasceva «The Greatest» - L’indimenticato pugile, scomparso il 3 giugno del 2016, oggi avrebbe compiuto 80 anni - Lo ricordiamo ripercorrendo lo storico exploit che, nel febbraio del 1964, gli valse il primo titolo mondiale nei pesi massimi

  • 4
  • 5

    Modello ispirato al calcio per una formula dinamica

    Bocce

    Giovanni Rapaglià è il presidente della CNTA, la commissione che sta elaborando il passaggio alla categoria Élite «Presenteremo al comitato centrale un concetto motivante e funzionale» - Il pensiero è rivolto anche alla nazionale

  • 1
  • 1