Numa, Ryan e Lorenzo: le medaglie d’oro di Kirchberg

Bocce

I giovani ticinesi si sono imposti con merito in tutte le categorie del Campionato svizzero

Numa, Ryan e Lorenzo: le medaglie d’oro di Kirchberg
Ryan Regazzoni, Numa Cariboni e Lorenzo Pettinato.

Numa, Ryan e Lorenzo: le medaglie d’oro di Kirchberg

Ryan Regazzoni, Numa Cariboni e Lorenzo Pettinato.

Sette su dodici, tre d’oro e quattro di bronzo: sono le medaglie che i giovani ticinesi hanno conquistato domenica ai Campionati svizzeri delle tre categorie che si sono disputati nel Canton Berna con finali a Kirchberg. Le fasi finali delle gare sono state spettacolari e hanno suscitato tante emozioni.

Cariboni tra gli Under 18

Numa Cariboni è un ragazzo sedicenne che ha debuttato nella categoria maggiore. È alto un metro e novantadue centimetri, quarantotto di piede. E non è ancora finita! Un paio di giocate sorprendenti all’inizio della finale da parte del bravo avversario di Thun Tim Burri. Numa ha gestito al meglio lo svantaggio e con bella sicurezza si è involato verso il meritatissimo successo. Alla premiazione Aldo Giannuzzi, il delegato della FSB, ha dovuto chiedergli di scendere dal podio per poterlo impalmare con la medaglia d’oro.

Per un niente, 10 a 12, Giorgia Cavadini ha mancato la finale, battuta dal ragazzo di Thun. Giorgia ha condiviso il terzo rango con il compagno di squadra della Cercera Mattia Maggi.

Regazzoni primo tra gli U15

Anche Ryan Regazzoni, 13 anni, ha debuttato nella nuova categoria degli Under 15 dopo aver vinto ben tre Campionati nazionali in quella dei più giovani. Un debutto atteso, il suo, anche perché il ragazzo fa parte oramai a pieno titolo, benché giovanissimo, della task force della Sfera. In finale si è trovato di fronte lo zurighese di Uster Federico Castaldi, un giovane di cui si dice un gran bene. E lo ha dimostrato. È stata una sfida molto combattuta e particolarmente equilibrata su una corsia assai impegnativa. Sull’undici a dieci, Ryan l’ha fatta sua con due raffe stupende. E Federico non è più riuscito a togliere all’avversario il punto decisivo.

Pettinato tra i più giovani

Dodici anni, Lorenzo Pettinato non ha mancato il successo nella categoria degli U12. Il ragazzo della San Gottardo ha vinto la sua prima medaglia d’oro dopo una finale da film thriller. In vantaggio per 8 a 0, ha dovuto subire la veemente reazione dell’avversario. Il sangallese Giulio Glorioso è un ragazzino tanto bravo quanto simpatico. Ha avuto il merito di saper reagire e di crederci rimontando fino al dieci pari. Poi tutto poteva succedere. Lorenzo è riuscito a trovare l’accosto di rara precisione e di porre termine a una sfida tra le più emozionanti che la categoria abbia offerto. Davvero bravi lui e il suo avversario. Il ragazzo della San Gottardo si è complimentato con Giulio e ha confessato che quando pensava che tutto sarebbe andato in porto facilmente ha accusato un calo di concentrazione. Capita, capita anche ai più esperti. Anche questo aiuta a crescere.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: TuttoSport
  • 1
  • 1