Seconda corona mondiale per Fernandez

Il campione spagnolo ha preceduto il giapponese Hanyu e il cinese Jin - Nessun pattinatore svizzero in gara

Seconda corona mondiale per Fernandez
da sinistra: Hanyu, Fernandez, Jin

Seconda corona mondiale per Fernandez

da sinistra: Hanyu, Fernandez, Jin

BOSTON - Gli oltre 4.000 tifosi giapponesi accorsi ieri sera al TD Garden di Boston speravano di festeggiare il titolo mondiale del loro beniamino Yuzuru Hanyu (già laureato due anni fa), autore mercoledì di un programma corto di assoluta perfezione e che vantava 18 punti di vantaggio sullo spagnolo Javier Fernandez, campione del mondo uscente. Il 21enne però nel programma libero sulle note della colonna sonora del film "Seimei" ha commesso troppi errori: appoggiata la mano alla ricezione del suo primo quadruplo salchow è poi caduto sul secondo. Destabilizzato, "l'angelo di Sendai" ha poi costellato la sua prova di piccole imperfezioni qua e là durante le ricezioni dei suoi salti e perdendo il vantaggio accumulato sull'inseguitore Fernandez nel corto.

Lo spagnolo ha così confermato il suo titolo grazie ad una esibizione maiuscola sulle note di "Guys and dolls" di Frank Sinatra. Il 25enne allievo di Brian Orser, coach anche di Hanyu, non ha tentennato, riuscendo con precisione tutti gli elementi previsti dal suo programma di una grande difficoltà tecnica. Un quadruplo teoloop, due quadrupli salchow, di cui uno in combinazione con il triplo toeloop, due tripli axel (uno in combinazione) e la scala degli altri salti, nonché delle riuscitissime piroette e sequenze di passi hanno portato la seconda corona mondiale sulla testa del madrileno, impeccabile anche sotto il profilo artistico in cui ha sfiorato la perfezione.

Il bronzo è andato al cinese Boyang Jin, mentre ai piedi del podio si è classificato il russo Mikhail Kolyada. Da segnalare che il tre volte campione del mondo canadese (2011, 2012, e 2013) Patrick Chan, di ritorno alla competizione dopo un anno di pausa e terzo dopo il programma corto, ha conquistato il 5. posto finale al termine dell'8. lungo della serata.

Nessun pattinatore svizzero era in lizza nella categoria uomini.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: TuttoSport
  • 1
  • 2
    Corsa d’orientamento

    Svizzera d’argento in staffetta

    Il bilancio rossocrociato dei primi mondiali esclusivamente boschivi è di 4 medaglie: due arrivate da Simona Aebersold (bronzo nella long e argento nella middle), una da Daniel Hubmann (bronzo nella long) e l’ultima, d’argento, conquistata da Sabine Hauswirth, ancora la Aebersold e Julia Jakob in staffetta

  • 3
    beach volley

    Heidrich/Vergé-Dépré in finale al Mosca

    Le due ragazze elvetiche domenica giocheranno l’atto conclusivo della tappa del World Tour nella capitale russa affrontando la coppia brasiliana Taiana Lima/Talita

  • 4
    Ciclismo

    Uno come Gimondi non morirà mai

    Era simbolo di un’Italia felice e ancora in bianco e nero, ha concluso la sua corsa in Sicilia per un malore – Campione dal talento purissimo, ebbe il privilegio di trovare sulla sua strada il Cannibale Eddy Merckx

  • 5
  • 1