A novembre al voto su imprese responsabili e finanziamento delle armi

urne

Per quanto riguarda invece la votazione del prossimo 27 settembre, secondo l’esecutivo - considerata la situazione epidemiologica - non è necessario che la Confederazione adotti provvedimenti specifici volti a garantire il regolare svolgimento della consultazione popolare

A novembre al voto su imprese responsabili e finanziamento delle armi
© CdT/Archivio

A novembre al voto su imprese responsabili e finanziamento delle armi

© CdT/Archivio

Il prossimo 29 novembre la popolazione svizzera andrà alle urne per votare sull’iniziativa popolare «Per imprese responsabili - a tutela dell’essere umano e dell’ambiente» e su quella «Per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico». Lo ha stabilito oggi il Consiglio federale.

Per quanto riguarda invece la votazione in programma il prossimo 27 settembre, secondo l’esecutivo - considerata la situazione epidemiologica - non è necessario che la Confederazione adotti provvedimenti specifici volti a garantire il regolare svolgimento della consultazione popolare.

Tuttavia, indica un comunicato governativo odierno, se la situazione dovesse peggiorare sensibilmente, potrebbe rivelarsi necessario adottare ulteriori misure concernenti ad esempio le operazioni di voto o di spoglio.

Imprese responsabili

L’iniziativa popolare per imprese responsabili è stata depositata il 10 ottobre 2016 con 120’418 firme valide. Essa chiede che le imprese che hanno la loro sede statutaria, l’amministrazione centrale o il centro d’attività principale in Svizzera debbano rispettare, sia nella Confederazione che all’estero, i diritti umani riconosciuti e le norme ambientali internazionali.

Secondo l’articolo costituzionale proposto, le imprese potranno inoltre essere chiamate a rispondere non soltanto dei propri atti, ma anche di quelli delle imprese che controllano economicamente senza parteciparvi sul piano operativo.

Materiale bellico

L’iniziativa popolare «Per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico» del Gruppo per una Svizzera senza esercito, forte di 104’612 adesioni, vuole vietare alla BNS e alle Casse pensione di investire nelle imprese che realizzano oltre il 5% del loro fatturato annuo con la fabbricazione di materiale bellico.

Inoltre, la Confederazione dovrebbe esigere determinate condizioni da banche e assicurazioni.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 2
  • 3

    Oltre la metà degli svizzeri non intende installare SwissCovid

    Sondaggio

    L’app ha superato la soglia del milione di utenti ma secondo un’indagine di Comparis il 56% della popolazione non la vuole scaricare perché non crede che sia utile e teme per la protezione dei dati - Paolo Attivissimo: «Una diffidenza che non ha motivo di esistere» - Finora una trentina di segnalazioni

  • 4
  • 5

    Edelweiss non prevede licenziamenti

    aviazione

    Lo ha indicato il suo direttore generale Bernd Bauer - La compagnia aerea, duramente colpita dalla pandemia, ha chiesto una proroga delle misure per lavoro ridotto fino al febbraio 2021

  • 1
  • 1