«A San Gallo solo per caso»

svizzera

La sindaca Maria Pappa torna sugli scontri di venerdì sera: «Per ora abbiamo evitato nuovi danni e nuove violenze, ma il problema non è risolto e riguarda l’intera società»

«A San Gallo solo per caso»
© Keystone/Michel Canonica

«A San Gallo solo per caso»

© Keystone/Michel Canonica

Eravamo rimasti alle brutte immagini di venerdì sera. Una San Gallo difficilmente riconoscibile, teatro di scontri e di violenze, con la pandemia sullo sfondo, facile alibi. Ripartiamo da lì. Intanto, che cos’era successo? Nella prima serata di venerdì, alcuni giovani avevano attaccato la polizia in pieno centro. Gli agenti, bersagliati da oggetti e bombe molotov, si erano visti costretti a reagire sparando proiettili di gomma e utilizzando spray al peperoncino, concludendo infine il loro intervento in piena notte. Due i feriti, diciannove i fermi.

La strategia preventiva

Una città tenuta in ostaggio un’intera serata da un gruppo di teppisti - la maggior parte delle centinaia di giovani radunatisi venerdì in centro era infatti pacifica -. Una città, sarebbe meglio dire, tenuta in ostaggio un...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1 Assembramenti illeciti
  • 2 Coronavirus
  • 3 Paolo Galli
Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1