Abolita l’attesa prima del matrimonio

codice civile

Il Consiglio federale ha stabilito che il termine di dieci giorni tra la procedura preparatoria e la celebrazione non sarà più necessario

Abolita l’attesa prima del matrimonio
©CdT/Chiara Zocchetti

Abolita l’attesa prima del matrimonio

©CdT/Chiara Zocchetti

Il termine di attesa di dieci giorni tra la procedura preparatoria e la celebrazione del matrimonio sarà abolito dal prossimo primo gennaio. Lo ha deciso oggi il Consiglio federale fissando per quella data l’entrata in vigore della pertinente modifica del Codice civile (CC) e delle relative ordinanze.

Attualmente, prima di poter celebrare il rito nuziale, occorre eseguire una procedura preparatoria, durante la quale l’Ufficio dello stato civile verifica tra le altre cose la domanda dei fidanzati, la loro identità e si assicura che non vi siano cause di nullità (presenza di eventuali impedimenti al matrimonio e sospetti di unione forzata o fittizia).

Al termine dell’esame, viene comunicato alla coppia se può sposarsi. Secondo il diritto vigente, il matrimonio può svolgersi al più presto dopo dieci giorni e al più tardi dopo tre mesi.

Il termine di dieci giorni era stato previsto inizialmente per permettere eventuali opposizioni nell’ambito della procedura di pubblicazione della promessa di matrimonio. Nel 2000, la procedura di pubblicazione è stata tuttavia soppressa ed è stata sostituita dalla procedura preparatoria, che comprende tutte le verifiche necessarie. Di conseguenza non esiste oggi più alcun motivo che giustifichi il mantenimento di un termine d’attesa.

Per questo motivo il Parlamento aveva approvato una revisione del CC, nata da una mozione dell’allora consigliere nazionale Andrea Caroni (PLR/AR), oggi «senatore». L’atto parlamentare chiedeva pure di rinunciare alla presenza obbligatoria di due testimoni, ma il Parlamento aveva stralciato questa eventualità.

Da notare che, come finora, occorrerà celebrare il matrimonio al più tardi entro tre mesi dalla conclusione della procedura preparatoria.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1