Aiuto professionale a qualsiasi ora per sostenere le vittime di violenza

Parlamento

In media, ogni due settimane e mezzo una donna perde la vita a seguito di un atto di violenza e ogni anno circa 27. 000 bambini sono esposti a violenza domestica – Molti cercano appoggio fuori dagli orari d’ufficio, una lacuna che Berna vuole colmare

Aiuto professionale a qualsiasi ora per sostenere le vittime di violenza
In media, nel nostro Paese, ogni due settimane e mezzo una donna perde la vita a seguito di un atto di violenza e ogni anno circa 27. 000 bambini sono esposti a violenza domestica. © CdT/Archivio

Aiuto professionale a qualsiasi ora per sostenere le vittime di violenza

In media, nel nostro Paese, ogni due settimane e mezzo una donna perde la vita a seguito di un atto di violenza e ogni anno circa 27. 000 bambini sono esposti a violenza domestica. © CdT/Archivio

Tutte le vittime di violenza devono, in caso di emergenza, poter avere accesso a una consulenza professionale garantita 24 ore su 24. Dopo il sì del Consiglio degli Stati, anche il Consiglio nazionale – con il sostegno del Consiglio federale – ha (tacitamente) approvato una mozione che incarica l’Esecutivo d’istituire o coordinare un servizio di consulenza simile in tutta la Svizzera.

«Si tratta di mettere in pratica quanto previsto dalla Convenzione di Istanbul», spiega Eva Herzog (PS/BS), prima firmataria della mozione approvata dalle Camere. La Convezione, in vigore in Svizzera dal 1. Aprile 2018, è un trattato internazionale che si prefigge di combattere e prevenire la violenza, proteggere le vittime e punire chi le assale.

«Ci sono delle lacune», aggiunge la «senatrice». «Le vittime hanno...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1