Amherd: saremo trasparenti su acquisto nuovi jet

Svizzera

In un’intervista rilasciata alla Neue Zürcher Zeitung la consigliera federale spiega che alla base della decisione non vi possono essere solo ragioni politiche

Amherd: saremo trasparenti su acquisto nuovi jet
© KEYSTONE/Valentin Flauraud

Amherd: saremo trasparenti su acquisto nuovi jet

© KEYSTONE/Valentin Flauraud

L’acquisto dei nuovi caccia da parte della Confederazione deve avvenire nel nome della trasparenza. A volerlo è la consigliera federale Viola Amherd, intenzionata a divulgare pubblicamente le valutazioni sui vari jet in corsa formulate dagli esperti. Alla base della scelta finale vi sarà il rapporto costi-benefici.

In un’intervista rilasciata alla Neue Zürcher Zeitung in edicola oggi, Amherd ha affermato che non si può giustificare l’acquisto di un jet molto più caro o molto peggiore di un altro solamente con ragioni politiche. Tuttavia, qualora non vi fossero grandi differenze tra i modelli, entreranno in gioco anche considerazioni di questo tipo.

La ministra della difesa assicura che il suo dipartimento renderà noto quale aereo è stato giudicato il migliore dagli esperti in fase di test. Le informazioni saranno fornite dopo che Berna avrà preso la propria decisione. «Non manterremo segreti», ha detto la vallesana al giornale svizzerotedesco.

Il Consiglio federale non pensa all’idea di chiedere concessioni in materia di politica europea per mezzo dell’acquisto dei caccia. Collegare le due questioni non è possibile anche solo per motivi formali, ha dichiarato Amherd. Inoltre, un singolo Stato membro dell’Ue non avrebbe il potere di esercitare un’influenza significativa sull’accordo quadro.

In ogni caso, i tre Paesi produttori rimasti in lizza sono interessati a una cooperazione più intensa con la Svizzera, in campo militare ma pure altrove. I candidati sono al momento quattro: gli statunitensi F-35 Lightning II della Lockheed Martin e F/A-18E/F Super Hornet della Boeing, il Rafale della francese Dassault e l’Eurofighter, realizzato da un consorzio europeo con sede in Germania. È previsto che il governo si esprima entro l’estate.

Alla testata zurighese, Amherd ha anche parlato del servizio militare obbligatorio per tutti gli svizzeri, donne comprese. «A prima vista», ha commentato la ministra, «mi piace l’idea. Quando parlo con i giovani sento che sarebbero disposti a fare qualcosa per la comunità».

Malgrado ciò bisogna considerare le ripercussioni che ci sarebbero per le aziende. Inoltre, tale servizio non dovrebbe essere in concorrenza con il settore privato. Attualmente, la quota delle donne nell’esercito è dell’1%, un tasso che però dovrebbe raggiungere il 10% nel 2030.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1

    Un post negativo, oltre settecento denunce

    social media e diritto

    Un «mi piace» messo a commenti offensivi può essere punibile penalmente — È stato aperto in Vallese un caso esemplare — L’avvocato Paolo Bernasconi: «Nella pratica si viene sanzionati con una multa, ma le ripercussioni per essere stato perseguito dalla legge possono essere ben più pesanti»

  • 2

    Fermati tre pirati della strada, uno ha solo 14 anni

    zurigo

    Un 23.enne è stato fermato a Elgg dopo aver invaso la corsia opposta per eccesso di velocità, a Schlieren un 18.enne ha tentato di scappare dalla polizia ma è andato a sbattere contro un semaforo e infine il più giovane è stato denunciato alla giustizia minorile a Männedorf per aver tentato di fuggire da una pattuglia

  • 3
  • 4
  • 5

    Lenta ripresa a Kloten

    Aviazione

    Il gestore dello scalo ha annunciato che ad aprile sono transitati 325.500 passeggeri, dodici volte di più rispetto allo stesso mese del 2020

  • 1
  • 1