Ancora caos a Berna durante le proteste anti-COVID

Coronavirus

Ieri sera hanno partecipato circa 500 persone alla manifestazione non autorizzata: le forze dell’ordine sono state costrette ad intervenire con cannoni ad acqua, proiettili di gomma e gas urticante, un agente è rimasto ferito

Ancora caos a Berna durante le proteste anti-COVID
© KEYSTONE/Marcel Bieri

Ancora caos a Berna durante le proteste anti-COVID

© KEYSTONE/Marcel Bieri

Nell’ambito della nuova manifestazione tenutasi ieri sera a Berna contro le norme anti coronavirus e alla quale hanno partecipato circa 500 persone, le forze dell’ordine hanno allontanato dalla zona 80 persone e ne hanno condotte altre nove al posto di polizia per un controllo, poi rilasciate. Nel corso dei fermi un agente è stato ferito. Lo ha comunicato oggi la polizia cantonale bernese precisando che quattro persone saranno denunciate.

La manifestazione non autorizzata, iniziata con un corteo partito verso le 19.30 dalla stazione e conclusasi intorno alle 21.30, ha causato l’interruzione del trasporto pubblico per ore, precisa la nota.

Nel corso della protesta, ancora una volta le protezioni a difesa di Palazzo federale sono state minacciate e la polizia è intervenuta con i cannoni ad acqua.

Da settimane ogni giovedì si svolgono a Berna manifestazioni contro le norme anti-coronavirus. Con l’eccezione di un evento, tutti gli altri si sono tenuti senza autorizzazione. Diverse volte la situazione si è fatta tesa, con le forze dell’ordine costrette a intervenire con cannoni ad acqua, proiettili di gomma o gas urticante.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1