Approvate le basi legali per gli aiuti allo sport

Consiglio federale

Il pacchetto prevede prestiti restituibili per le leghe professionali di calcio e hockey e di contributi a fondo perso per le organizzazioni dello sport di massa e di punta - Il parlamento si pronuncerà in giugno

Approvate le basi legali per gli aiuti allo sport
L’YB al lavoro. © Keystone/Anthony Anex

Approvate le basi legali per gli aiuti allo sport

L’YB al lavoro. © Keystone/Anthony Anex

Nella sua seduta odierna il Consiglio federale ha approvato le basi legali per attuare il pacchetto di stabilizzazione per lo sport, che prevede aiuti finanziari per lo sport di massa e lo sport di punta svizzeri. Il Parlamento si pronuncerà a giugno sulla prima tranche per l’anno in corso.

Nel suo pacchetto il Consiglio federale prevede aiuti finanziari per coprire i problemi di liquidità che a breve e a medio termine insorgeranno nelle organizzazioni sportive svizzere a causa dei provvedimenti adottati dal Consiglio federale per combattere il coronavirus. Nello specifico si tratta di prestiti restituibili per le leghe professionali della Federazione svizzera di calcio e della Swiss Ice Hockey Federation (complessivamente 175 milioni di franchi ciascuno per gli anni 2020 e 2021), di contributi a fondo perso per le organizzazioni dello sport di massa e lo sport di punta (50 milioni per il 2020, 100 milioni per il 2021) nonché di contributi straordinari per gli organizzatori delle attività di Gioventù+Sport.

Il Consiglio federale ha definito i suddetti parametri il 13 maggio. Nella sua seduta odierna ha creato le basi legali per consentire l’attuazione di questo pacchetto di aiuti.

Ordinanza adeguata nel diritto ordinario

Il Consiglio federale ha deciso di emanare le misure di stabilizzazione per lo sport non nel diritto di necessità, ma di trasporle nel diritto ordinario. Ha approvato le relative modifiche nell’ordinanza sulla promozione dello sport, ponendole in vigore con effetto dal 1. luglio 2020. In queste modifiche il Consiglio federale disciplina il modo di procedere e stabilisce le condizioni per i prestiti alle leghe professionali e per i contributi straordinari a Gioventù+Sport.

Non sono necessarie modifiche dell’ordinanza per i sussidi allo sport di massa e allo sport di punta. Questi aiuti finanziari sono finanziati mediante i contributi per le federazioni già ancorati nella legge.

Il Parlamento si pronuncerà a giugno in merito ai crediti

Il finanziamento dei prestiti e dei contributi a fondo perso avviene mediante crediti aggiuntivi. I crediti per il 2020 potranno essere discussi in Parlamento già nella prossima sessione estiva. Si tratta della prima tranche (175 milioni di franchi per le leghe professionali di entrambe le federazioni e 50 milioni per lo sport di massa e lo sport di punta). I crediti per la seconda tranche, con cui il Consiglio federale intende sostenere lo sport anche nel 2021, saranno parte integrante dei dibattiti parlamentari per il budget del 2021. Non sono necessari crediti supplementari per i contributi straordinari per le attività di G+S. Questo sostegno avviene all’interno del credito G+S già approvato.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1