Auto contromano in autostrada: una vittima e due feriti gravi

Vaud

Una donna che circolava nell’errato senso di marcia sull’A1, tra Aubonne e Morges, è deceduta in seguito ad uno scontro frontale: gravi due 24.enni

 Auto contromano in autostrada: una vittima e due feriti gravi
©Shutterstock

Auto contromano in autostrada: una vittima e due feriti gravi

©Shutterstock

Una donna che circolava in contromano ieri sera sull’autostrada A1 è morta e altre due persone sono rimaste ferite gravemente in un incidente tra Aubonne e Morges. Il tratto autostradale è rimasto inagibile dalle 22.00 alle 5.00, precisa un comunicato della polizia cantonale vodese.

L’incidente è avvenuto verso le 21.40. La donna che viaggiava in contromano si è scontrata frontalmente con un altro veicolo che circolava normalmente sulla corsia di sinistra, in direzione di Ginevra. L’auto della donna, una 44.enne residente nella regione, si è ribaltata ed ha terminato la sua corsa sul tetto. La conduttrice è morta sul posto. L’automobilista e la passeggera dell’altro veicolo, un italiano e una svizzera, entrambi di 24 anni, sono rimasti gravemente feriti.

L’incidente ha richiesto l’intervento di diverse pattuglie delle forze dell’ordine, ambulanze, pompieri e personale della protezione civile. L’autostrada fra Aubonne e Morges è stata chiusa al traffico fino a stamani. La procura ha avviato un’indagine per determinare le circostanze esatte dell’incidente, precisa il comunicato.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1

    Armi: giro di vite sull’export

    controprogetto

    Il Consiglio federale sta elaborando una controproposta all’iniziativa che chiede uno stop alla vendita di materiale bellico in Paesi che violano i diritti umani: previsti inasprimenti ma anche deroghe — I promotori arricciano il naso : «Una cosa è chiara: non accetteremo nessuna nuova scappatoia»

  • 2

    Stop agli interventi chirurgici secondari a Ginevra

    coronavirus

    La grande paura è quella di essere sommersi dall’afflusso di malati ed essere costretti a scegliere chi curare e chi abbandonare al proprio destino - «Non vogliamo trovarci nella condizione primaverile della Lombardia», ha affermato il direttore dell’Ospedale universitario ginevrino

  • 3
  • 4
  • 5
  • 1
  • 1