Avviata un’inchiesta sulla cooperazione tra MPC e Cantoni

terrorismo

L’indagine riguarda i casi di terrorismo come l’attacco con coltello di Morges nel 2020: in quel caso aveva sollevato dubbi la collaborazione tra le autorità federali e quelle vodesi, ma non è stato specificato se la decisione è direttamente collegata all’episodio

Avviata un’inchiesta sulla cooperazione tra MPC e Cantoni
© CdT/Archivio

Avviata un’inchiesta sulla cooperazione tra MPC e Cantoni

© CdT/Archivio

L’Autorità di vigilanza del Ministero pubblico della Confederazione (AV-MPC) ha avviato un’inchiesta sulla cooperazione tra l’MPC e i cantoni riguardante casi di terrorismo, come l’attacco al coltello di Morges (VD) nel 2020.

L’informazione, rivelata oggi dalla radio della Svizzera romanda RTS, è stata confermata a Keystone-ATS dall’autorità di vigilanza del MPC. Non è stato specificato se la decisione è direttamente in relazione al caso Morges, visto l’obbligo di riservatezza.

L’attacco di Morges aveva sollevato dubbi sulla cooperazione tra le autorità federali e vodesi. Il presunto assassino era nel mirino dei servizi segreti della Confederazione ed era anche appena uscito di prigione quando, nel settembre 2020, ha accoltellato a morte un uomo in un ristorante.

Fonti vicine all’inchiesta avevano indicato come l’MPC aveva chiesto che l’uomo fosse ricoverato in una struttura psichiatrica. Il Dipartimento di sicurezza vodese aveva risposto che nessuna autorità del cantone aveva ricevuto una decisione del MPC che ordinava il ricovero.

L’AV-MPC ha aperto un’ispezione generale lo scorso ottobre. I risultati sono attesi nella seconda metà del 2022. Intervistata oggi dalla RTS, la consigliera nazionale Jacqueline de Quattro (PLR/VD) ha detto di aver «accolto con favore» l’apertura dell’inchiesta. «Ci sono state critiche da entrambe le parti. I cantoni sentivano che la Confederazione avrebbe potuto aiutarli di più, e viceversa. Non si tratta di giudicare, ma di imparare cosa si sarebbe potuto fare meglio, soprattutto sapendo che non siamo abituati a collaborare in casi così acuti», ha detto.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1