«Bello navigare in acque tranquille, ma il nostro compito è affrontare le crisi»

L’INTERVISTA

Il consigliere federale Alain Berset parla al Corriere del Ticino della gestione della pandemia: «Per me la normalità è quella dello scorso dicembre, questa è un’altra normalità»

«Bello navigare in acque tranquille, ma il nostro compito è affrontare le crisi»
© Ti-Press / Alessandro Crinari

«Bello navigare in acque tranquille, ma il nostro compito è affrontare le crisi»

© Ti-Press / Alessandro Crinari

Il suo ruolo in Consiglio federale lo ha portato a essere per mesi in prima linea, a dettare le misure per resistere al coronavirus. Lui oggi ammette che a dettare i ritmi è però sempre stato il virus stesso. Sabato era in Ticino a celebrare la Festa nazionale. Lo abbiamo avvicinato per questa intervista a tutto tondo.

Nel suo discorso a Monte Carasso ha parlato di grande coesione tra le diverse zone del Paese, eppure in questi mesi sono emerse anche le distanze. «Vanno riconosciuti due momenti. Inizialmente, regioni e cantoni sono stati toccati in maniera molto differente. Il Ticino è stato colpito con più forza rispetto agli altri, poi Vaud e Ginevra, mentre altri sono stati toccati meno dalla prima ondata, protetti anche dalle misure prese per l’insieme del Paese. Poi però è subentrata la...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1 Coronavirus
  • 2 Paolo Galli
Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1