Berna è alla ricerca di un interlocutore

Svizzera-UE

La Confederazione punta a un dialogo politico stabile e chiede alla Commissione di designare al suo interno qualcuno che segua il dossier delle relazioni bilaterali

Berna è alla ricerca di un interlocutore
© KEYSTONE/Peter Klaunzer

Berna è alla ricerca di un interlocutore

© KEYSTONE/Peter Klaunzer

Per aprire la nuova fase di relazioni bilaterali con l’Unione europea, dopo la rottura dei negoziati sull’accordo quadro, Berna ha chiesto a Bruxelles l’avvio di un «dialogo politico» che sia stabile. E per farlo è necessario che la Commissione scelga al suo interno un nuovo interlocutore con l’incarico di seguire in prima persona il dossier. Era questo l’obiettivo della missione nella capitale UE di Ignazio Cassis: al termine della giornata di incontri, il ministro degli Affari Esteri si è detto «fiducioso».

Il ticinese ha incontrato in mattinata il commissario europeo al Bilancio, Johannes Hahn, che al momento sembra essere il candidato principale a prendere in mano la delega per le relazioni con la Svizzera. Nel pomeriggio, invece, c’è stato un faccia a faccia con Josep Borrell, l’Alto Rappresentante...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1