Berna non fa marcia indietro: la Liguria resta sulla lista

coronavirus

La regione si era opposta ma l’Ufficio federale della sanità pubblica non torna sui suoi passi e mantiene l’elenco dei luoghi a rischio immutato

Berna non fa marcia indietro: la Liguria resta sulla lista
KEYSTONE/Anthony Anex

Berna non fa marcia indietro: la Liguria resta sulla lista

KEYSTONE/Anthony Anex

(Aggiornato alle 13.14) L’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) si attiene alla sua decisione di inserire la Liguria nell’elenco delle aree a rischio coronavirus.

La Confederazione analizza la situazione nei Paesi confinanti su base regionale, ha ricordato l’UFSP, contattato dall’agenzia Keystone-ATS. Con un’incidenza di 80 casi ogni 100.000 abitanti, la Liguria rappresenta una regione ad alto rischio di Covid-19. Un’ulteriore differenziazione all’interno di una regione non è possibile, ha aggiunto l’UFSP.

Ieri le autorità liguri avevano sostenuto che il superamento del limite di 60 casi ogni 100.000 abitanti che fa scattare l’obbligo di quarantena era dovuto principalmente ad un focolaio a La Spezia.

La Liguria è quindi inclusa nell’elenco delle regioni a rischio a partire da lunedì 28 settembre. Le persone che ritornano in Svizzera devono essere poste in quarantena per dieci giorni. L’elenco viene regolarmente aggiornato in funzione dell’evoluzione della situazione, precisa ancora l’UFSP.

La regione è intervenuta presso il Console generale della Svizzera in Italia, ha riportato l’agenzia italiana Ansa. Ha pure informato il ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio.

Le autorità liguri ritengono che la decisione elvetica sia distorta dalla situazione «disomogenea» nella regione. A parte il focolaio a La Spezia, che è comunque in declino, il resto del territorio regionale rimane per lo più al di sotto del parametro di allerta, sostengono.

Il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti ha inoltre fatto sapere stamane di avere sentito al telefono il ministro degli Esteri Di Maio, «il quale mi ha assicurato che il governo interverrà al più presto» presso le autorità elvetiche.

«In Liguria - scrive Toti in una nota ripresa dall’Ansa - lavoriamo giorno e notte per monitorare e limitare il contagio. Non accettiamo che i nostri sforzi vengano intaccati da misure che mettono in cattiva luce la nostra regione e danneggiano le nostre imprese: dopo tanti sforzi per ripartire non possiamo permetterci ulteriori stop».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1