Berset: «Entro l’estate vaccini a chi lo desidera»

coronavirus

«Nelle prossime settimane e mesi, avremo molte dosi di vaccino in Svizzera», ha detto il ministro della salute nel corso di una conferenza stampa ad Aarau

 Berset: «Entro l’estate vaccini a chi lo desidera»
©KEYSTONE/Peter Klaunzer

Berset: «Entro l’estate vaccini a chi lo desidera»

©KEYSTONE/Peter Klaunzer

 Berset: «Entro l’estate vaccini a chi lo desidera»
©KEYSTONE/Peter Klaunzer

Berset: «Entro l’estate vaccini a chi lo desidera»

©KEYSTONE/Peter Klaunzer

 Berset: «Entro l’estate vaccini a chi lo desidera»
©KEYSTONE/Peter Klaunzer

Berset: «Entro l’estate vaccini a chi lo desidera»

©KEYSTONE/Peter Klaunzer

 Berset: «Entro l’estate vaccini a chi lo desidera»
©KEYSTONE/Peter Klaunzer

Berset: «Entro l’estate vaccini a chi lo desidera»

©KEYSTONE/Peter Klaunzer

(Aggiornato alle 14.09) Entro l’estate, tutte le persone che lo desiderano potranno essere vaccinate contro la COVID-19. Lo ha ribadito il consigliere federale Alain Berset al termine di una visita nel canton Argovia.

«Nelle prossime settimane e mesi, avremo molte dosi di vaccino in Svizzera», ha detto il ministro della salute stamattina in una conferenza stampa ad Aarau.

L’obiettivo del piano vaccinale potrà essere raggiunto nonostante i ritardi nell’approvvigionamento. Presto si raggiungeranno le 700’000 dosi somministrate dei vaccini che hanno un tasso di efficacia del 95%, ha detto Berset.

La Confederazione ha ordinato in tutto 32 milioni di dosi. «Arriveranno». Nulla fa pensare in questo momento che queste dosi non saranno fornite.

A proposito di ulteriori allentamenti delle misure anti-COVID, Berset ha dichiarato che l’intero Consiglio federale segue attentamente l’evoluzione dei dati epidemiologici. Attualmente «osserviamo una stagnazione a livelli non molto bassi».

Difficile al momento fare previsioni. Ma «se le cifre continueranno a scendere, potremo implementare misure di alleggerimento». Il Consiglio federale è intenzionato ad assumersi «un rischio calcolato, senza mettere in pericolo i progressi fatti finora», ha detto ancora Berset.

In Argovia, Alain Berset ha assistito alla vaccinazione di persone anziane in una casa di cura assieme al capo del Dipartimento cantonale della sanità Jean-Pierre Gallati. Per il ministro della sanità, si è trattato della 20. visita in un cantone dall’inizio della pandemia.

Scopo della visita era di verificare sul campo l’avanzamento della campagna vaccinale. La collaborazione con i cantoni - ha sottolineato il consigliere federale - è molto importante. Sono loro infatti a dover affrontare una sfida logistica non indifferente per i test e per le vaccinazioni.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1

    Ecco perché Zurigo è fanalino di coda

    Vaccinazioni

    Il cantone è quello con meno dosi somministrate per ogni centinaio di abitanti: se in Ticino sono 23, qui sono solo 17 - Dopo varie panne iniziali ora s’ingrana un’altra marcia - Adesso anche sedicenni a rischio e personale sanitario possono annunciarsi per un’inoculazione

  • 2

    La svolta ecologista di Nestlé: «Per noi è un ottimo affare»

    Economia e società

    L’assemblea degli azionisti della multinazionale vodese ha approvato il bilancio 2020 chiuso con 12 miliardi di utile - Il presidente e il CEO hanno ribadito la necessità e l’importanza strategica del riorientamento verso una maggiore sostenibilità ambientale

  • 3
  • 4

    Accordo quadro, «Bruxelles lamenta l’immobilismo di Berna»

    svizzera-ue

    Stando a note diplomatiche a cui la SSR ha avuto accesso il Consiglio federale non avrebbe presentato proposte concrete sui tre punti dell’accordo quadro e la Commissione europea si starebbe interrogando: «Non possiamo negoziare con noi stessi»

  • 5
  • 1
  • 1