«La Svizzera è da tempo un leader della ricerca della pace». Ronald Reagan aveva giustificato così, nel novembre del 1985, la scelta di Ginevra come sede dell’incontro - storico - con Mikhail Gorbaciov. Altri tempi, si dirà. Eppure la memoria è proprio andata lì, ieri, di fronte all’annuncio ufficiale di un nuovo incontro tra i due mondi proprio in riva al Lemano. In questo caso, a ritrovarsi saranno Joe Biden e Vladimir Putin. L’incontro è stato fissato in agenda per il 16 giugno.

Le reazioni

Perché proprio Ginevra? In lizza, lo avevamo scritto, c’era anche Vienna. E si erano fatte avanti pure Finlandia e Repubblica Ceca. Tornando all’Austria, il cancelliere Sebastian Kurz aveva già avuto modo di minimizzare: «Non dobbiamo sovrastimare il nostro ruolo, non stiamo operando come mediatori. Ma...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
  • 1
Ultime notizie: Svizzera
  • 1