BNS: una petizione chiede di eliminare gli investimenti dannosi per il clima

Banche e ambiente

Il documento è stato firmato da 14 mila persone ed è stato consegnato oggi all’istituto

BNS: una petizione chiede di eliminare gli investimenti dannosi per il clima
© KEYSTONE/Gaetan Bally

BNS: una petizione chiede di eliminare gli investimenti dannosi per il clima

© KEYSTONE/Gaetan Bally

La Banca nazionale svizzera (BNS) deve fare di più per la giustizia climatica. È quanto chiede una petizione promossa dalle organizzazioni di cooperazione allo sviluppo Sacrificio Quaresimale e Pane per tutti, firmata da quasi 14.000 persone e consegnata oggi all’istituto.

Più precisamente, la petizione domanda alla BNS di rinunciare immediatamente agli investimenti in combustibili fossili, si legge in un comunicato. Proprio in data odierna la banca tiene un’assemblea generale online, durante la quale verrà discussa la sua responsabilità in materia di protezione del clima.

In qualità di grande investitore mondiale, la BNS gioca un ruolo non trascurabile nella crisi ambientale, sottolineano le due organizzazioni. Alla fine del 2019 infatti, deteneva quasi sei miliardi di dollari di azioni in società di combustibili fossili, finanziando in tal modo emissioni per 43 milioni di tonnellate di CO2 equivalente all’anno.

Si tratta di emissioni quasi pari a quelle nazionali della Svizzera. Secondo un rapporto di «Artisans de la transition», la strategia di investimento della BNS promuove un riscaldamento globale da quattro a sei gradi entro il 2100. Un ritmo che, precisano preoccupate Sacrificio Quaresimale e Pane per tutti, renderebbe la Terra in gran parte inabitabile entro la fine del secolo.

Con la petizione, sottoscritta da 13’929 persone, si chiede dunque un rapido cambio di rotta. Il testo invita la BNS a fungere da modello, contribuendo a una maggiore giustizia climatica eliminando gradualmente le sue partecipazioni in società di combustibili fossili. La decisione, datata dicembre 2020, di escludere dal proprio portafoglio le aziende che gestiscono miniere di carbone è solo un primo piccolo passo, scrivono insoddisfatte le due associazioni nella nota.

Le direttive della BNS, si prosegue nel comunicato, stabiliscono che essa deve astenersi dall’investire in società che violano i diritti umani fondamentali o che causano gravi danni ambientali. Disposizioni ritenute in contrasto con il modo di agire dell’istituto, con le conseguenze che ricadono soprattutto sui Paesi del Sud.

Anche il confronto con sue equivalenti nel resto del mondo non sorride alla BNS. Un recente studio dell’ong Positive Money conferma che la banca nazionale elvetica è in ritardo rispetto ad altre banche centrali europee in termini di protezione del clima, ma anche rispetto ai corrispondenti istituti di Brasile e Cina.

Sacrificio Quaresimale e Pane per tutti citano l’esempio positivo della Banca di Francia. Essa, per rispettare l’Accordo di Parigi, prevede di eliminare completamente il carbone ed escludere le compagnie petrolifere e del gas dal suo portafoglio entro il 2024.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Svizzera
  • 1

    Un post negativo, oltre settecento denunce

    social media e diritto

    Un «mi piace» messo a commenti offensivi può essere punibile penalmente — È stato aperto in Vallese un caso esemplare — L’avvocato Paolo Bernasconi: «Nella pratica si viene sanzionati con una multa, ma le ripercussioni per essere stato perseguito dalla legge possono essere ben più pesanti»

  • 2

    Fermati tre pirati della strada, uno ha solo 14 anni

    zurigo

    Un 23.enne è stato fermato a Elgg dopo aver invaso la corsia opposta per eccesso di velocità, a Schlieren un 18.enne ha tentato di scappare dalla polizia ma è andato a sbattere contro un semaforo e infine il più giovane è stato denunciato alla giustizia minorile a Männedorf per aver tentato di fuggire da una pattuglia

  • 3
  • 4
  • 5

    Lenta ripresa a Kloten

    Aviazione

    Il gestore dello scalo ha annunciato che ad aprile sono transitati 325.500 passeggeri, dodici volte di più rispetto allo stesso mese del 2020

  • 1
  • 1