Canapa per scopi non medici, sperimentazioni pilota da maggio

Consiglio federale

I consumatori potranno acquistare legalmente diversi prodotti, la quantità acquistabile ogni mese sarà limitata

Canapa per scopi non medici, sperimentazioni pilota da maggio
© CdT/Archivio

Canapa per scopi non medici, sperimentazioni pilota da maggio

© CdT/Archivio

Dal prossimo 15 maggio sarà possibile presentare all’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) domanda per svolgere sperimentazioni pilota sul consumo di canapa a scopi non medici. Il Consiglio federale ha adottato oggi la pertinente ordinanza, che precisa le rigide condizioni alle quali gli studi potranno essere svolti.

Le ricerche, evidenzia in una nota il governo, hanno come obiettivo accrescere le conoscenze su vantaggi e svantaggi di un accesso controllato alla canapa. In particolare, si vogliono valutare e documentare gli effetti sulla salute dei consumatori e sulle loro abitudini, ma anche misurare l’impatto sul mercato delle droghe illegali, sulla protezione della gioventù e sulla sicurezza pubblica. Riassumendo, l’intento è quello di fornire una base scientifica solida per le decisioni future sul tema.

Nel quadro delle sperimentazioni, i consumatori potranno acquistare legalmente diversi prodotti a base di canapa, la quale dovrà soddisfare requisiti di qualità elevati ed essere biologica. Se le catene di fornitura saranno monitorate e strettamente controllate, dalla semenza alla distribuzione, il mercato nero si ritroverà bypassato, spiega l’esecutivo.

Oltre a essere informati sul prodotto, i partecipanti saranno sensibilizzati sui rischi del consumo dal personale dei punti vendita, che sarà appositamente formato. Le sperimentazioni saranno disciplinate in modo rigoroso, viene assicurato nel comunicato, con esigenze severe in materia di protezione della gioventù e della salute e un divieto totale di pubblicità.

La quantità acquistabile ogni mese sarà limitata, mentre la rivendita e il consumo in luoghi accessibili al pubblico saranno vietati. A uno studio potranno prendere parte soltanto persone maggiorenni e che già fanno uso di canapa. I partecipanti dovranno essere domiciliati nel Cantone e il loro stato di salute sarà monitorato per l’intera durata dello studio.

L’articolo relativo alle sperimentazioni pilota della legge sugli stupefacenti ha una validità limitata di dieci anni. Al di fuori di questi test, resta vigente in tutta la Svizzera il divieto generale di canapa non medicinale.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1