«Che finale!», il voto ticinese appassiona anche oltralpe

rassegna stampa

I 45 voti che portano Filippo Lombardi fuori dal Consiglio degli Stati hanno tenuto con il fiato sospeso tutta la Svizzera: ecco le considerazioni dei principali quotidiani - Il PPD cerca un nuovo capogruppo

«Che finale!», il voto ticinese appassiona anche oltralpe
©CdT

«Che finale!», il voto ticinese appassiona anche oltralpe

©CdT

Una sorpresa per il Ticino al secondo turno delle elezioni del Consiglio degli Stati. La corsa ticinese a quel secondo seggio della Camera alta, ieri, ha tenuto con il fiato sospeso l’intera Svizzera e l’eco della sconfitta di Filippo Lombardi, superato da Marina Carobbio, per soli 45 voti, rimbalza sulle pagine dei principali quotidiani elvetici. Poche le parole spese per la vittoria di Marco Chiesa, che è parsa schiacciante sotto ogni punto di vista, e per la sconfitta di Giovanni Merlini. È al testa a testa tra Filippo Lombardi e Marina Carobbio Guscetti che tutti rivolgono l’attenzione. «Per 20 anni Filippo Lombardi è stato membro del Consiglio degli Stati. Domenica, i ticinesi hanno votato contro il 63.enne imprenditore mediatico e capogruppo del PPD alle Camere federali. Gli mancavano solo poche preferenze». Così, il Blick, nel riportare l’esito della domenica alle urne, ricorda che se Marina Carobbio Guscetti non fosse stata scelta da 23 di quei 45 votanti, e se queste 23 persone avessero optato per il senatore PPD, le cose sarebbero state diverse e «il presidente dell’HC Ambrì-Piotta sarebbe ancora membro del Consiglio degli Stati».

Locarno e Bellinzona decisive

Certo è che la conta dei voti ha tenuto alta la tensione fino all’ultimo secondo: «Le grandi emozioni della domenica elettorale hanno avuto luogo nel canton Ticino – scrive il Tages Anzeiger -. Il leader del PPD Filippo Lombardi ha mancato la rielezione e la sua carriera si conclude così dopo 20 anni nel Consiglio degli Stati». Ed è solo con i risultati di Locarno e Bellinzona si è giunti a fare la differenza: è solo dopo lo spoglio delle schede di queste due città, ribadisce il TA, che la socialista si è spinta sottilmente più avanti di Lombardi.

Un risultato sorprendente

«Was für ein Finale!», «Überraschung», «Le changement est énorme. Inattendu aussi». «Séisma». Con questi termini il TA, la NZZ, La Tribune de Genève e Le temps raccontano la «sorpresa», «il cambiamento enorme e pure inatteso» e il «terremoto» elettorale che ha travolto il cantone a sud delle Alpi ieri. «I Ticinesi hanno scelto di mandare in pensione colui che li rappresentava al Consiglio degli Stati dal 1999», sottolinea la Tribune de Genève, aggiungendo che «il popolare democratico sembrava inaffondabile (...). Ma il ballottaggio era generale e la caduta di questa figura della politica elvetica si è giocata su un fazzoletto di terra, poiché è stato superato da Marina Carobbio per soli 45 voti». E si parla poi di «Aggiornamento oltre Gottardo» sulle colonne di Le Temps, dove si stima che ad essere fatale alla conquista del seggio sia stata l’alleanza PPD-PLR. Un’alleanza «completamente fallita, i radicali erano agli Stati dal 1848 e i due partiti perdono il loro seggio, anche se l’accoppiata ha funzionato bene nella corsa al Nazionale».

Non da ultimo, si ricorda che fino a dicembre Filippo Lombardi porterà avanti le sue funzioni. Se la sua carriera politica proseguirà o no, non lo ha ancora deciso. Il tempo delle riflessioni verrà. Intanto il senatore PPD, ai microfoni della RTS, ha assicurato: «Per fortuna c’è una vita dopo la politica».

Un nuovo capogruppo per il PPD

Con la mancata elezione di Filippo Lombardi al Consiglio degli Stati, il PPD ha perso non solo un «senatore», ma anche il capogruppo della frazione alle Camere federali. Il partito deciderà nei prossimi giorni come assicurare la successione. Una soluzione provvisoria dovrebbe entrare in vigore già questa settimana se possibile, ha detto oggi il portavoce del partito, Michaël Girod, all’agenzia Keystone-ATS. È probabile che il vice, Leo Müller, assuma ad interim la guida del gruppo.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1