Cittadinanza, divergenze sull’impatto della Direttiva UE

Accordo quadro

Secondo Avenir Suisse una ripresa da parte svizzera delle regole europee non causerebbe un’esplosione dell’aiuto sociale – Ma c’è chi obietta che il punto dolente non è finanziario e riguarda piuttosto la sovranità

Cittadinanza, divergenze sull’impatto della Direttiva UE

Cittadinanza, divergenze sull’impatto della Direttiva UE

La Direttiva sulla cittadinanza europea è fra i punti dell’Accordo quadro sui quali Berna intende chiedere precisazioni a Bruxelles. Il testo non ne fa menzione, ma un domani , magari su ingiunzione della Corte europea di giustizia, l’UE potrebbe esigere che la Svizzera riprenda queste disposizioni, che costituiscono uno sviluppo della libera circolazione. Secondo Berna ci sono in particolare due aspetti problematici: l’ampliamento dei diritti alle prestazioni dell’assistenza sociale dei cittadini UE inoccupati e delle persone il cui rapporto di lavoro è stato disdetto contro la loro volontà, unitamente a condizioni più restrittive per l’espulsione dal territorio elvetico in caso di condanne penali.

Il «think tank» (laboratorio d’idee) liberale Avenir Suisse ha pubblicato sul suo sito un...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1