Col coronavirus i premi di cassa malati pesano di più

svizzera

Il lavoro ridotto introdotto in molte aziende e l’aumento della disoccupazione riducono il reddito delle economie domestiche e l’onere dei premi di cassa malati si farà sentire maggiormente, rivela uno studio di Comparis

Col coronavirus i premi di cassa malati pesano di più
© CdT/Zocchetti

Col coronavirus i premi di cassa malati pesano di più

© CdT/Zocchetti

Il lavoro ridotto introdotto in molte aziende e l’aumento della disoccupazione riducono il reddito delle economie domestiche svizzere, rivela uno studio di Comparis. L’onere finanziario derivante dai premi delle casse malattia si farà quindi maggiormente sentire.

«Con un aumento medio dell’1% previsto per il prossimo anno, i premi delle casse malattia andranno a gravare pesantemente su molte famiglie che, a causa del coronavirus, già hanno meno denaro a disposizione», avverte in un comunicato odierno Felix Schneuwly, esperto di assicurazione malattia presso il servizio di confronto online Comparis.

I premi dell’assicurazione malattia rappresentano in media il 6,2% delle spese delle famiglie svizzere. Nel peggiore dei casi, tenendo conto della riduzione dello stipendio del 20-30%, in proporzione il carico dei premi aumenta fino a raggiungere il 16% del reddito lordo, secondo lo studio.

Comparis ha esaminato l’onere rappresentato dai premi per un adulto senza copertura infortuni con il modello Medico di famiglia più diffuso e la franchigia minima a Zurigo, Berna, Bellinzona e Ginevra, con uno stipendio mediano lordo di 6’538 franchi al mese.

In media nelle città di Zurigo, Berna e Bellinzona l’assicurazione di base incide sul reddito per il 7%, a Ginevra invece per l’8%. in caso di lavoro ridotto o di disoccupazione il carico aumenta di 2 punti percentuali, sottolinea lo studio.

I disoccupati che hanno perso il 30% del reddito devono improvvisamente impiegare il 16% di questo per pagare i premi dell’assicurazione malattia, indica Comparis.

In base alla previsione sulle spese del settore sanitario svolta dal Centro di studi congiunturali (KOF) su incarico di Comparis, Schneuwly ritiene che nel 2020 i costi sanitari dovrebbero aumentare di fatto del 3,3%. A suo parere, comunque, con una media dell’1% l’aumento dei premi della cassa malattia sarà decisamente inferiore. Il motivo, secondo l’esperto di Comparis, è che «di fronte all’attuale recessione causata dal coronavirus, le compagnie di assicurazione andranno a intaccare una parte delle loro riserve, limitando così l’aumento dei premi.»

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1

    Le sfide di un comprensorio sciistico binazionale

    vallese

    Les Portes du Soleil al confine franco-svizzero sarà confrontato con misure sanitarie diverse con impianti chiusi da una parte e aperti dall’altra - Si prevede una navetta per recuperare i clienti francesi ma il governo vallesano non ci sta

  • 2

    Coronavirus, insegnanti romandi al limite

    scuole

    I sindacati chiedono più risorse per il settore confrontatao a misure sanitarie, occuparsi degli allievi malati o in quarantena, colmare le assenze dei colleghi, seguire i sostituti o formarsi per palleggiare la tecnologia

  • 3
  • 4

    Quarantena? Non meno di 10 giorni

    Task force

    Gli esperti della Confederazione non approvano la proposta di accorciare il periodo di isolamento: meno persone sarebbero protette dall’infezione da coronavirus

  • 5
  • 1
  • 1