Coronavirus, la deputazione ticinese domani incontra il Governo

epidemia

Carobbio: «Vogliamo capire se vanno prese ulteriori misure per proteggere al meglio la popolazione e quali» - Si parlerà anche di un’eventuale chiusura della frontiera

Coronavirus, la deputazione ticinese domani incontra il Governo
© CdT/Gabriele Putzu

Coronavirus, la deputazione ticinese domani incontra il Governo

© CdT/Gabriele Putzu

Aggiornato 15:30 - Coronavirus: la tensione in Ticino è alta. La delegazione ticinese a Berna ha chiesto stamani e ottenuto un incontro con la presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga o una delegazione del Consiglio federale. «Vogliamo capire se vanno prese ulteriori misure per proteggere al meglio la popolazione e quali», ci dice la consigliera agli Stati Marina Carobbio, presidente della delegazione ticinese. Il colloquio si terrà domani.

Fra le opzioni di cui si parlerà, afferma la «senatrice» socialista, emergerà anche la questione di una chiusura della frontiera. In questo senso, il consigliere agli Stati UDC Marco Chiesa ha già inoltrato una mozione in cui chiede che a passare siano solo quei frontalieri indispensabili per il cantone (in particolare quelli legati al settore sanitario) e che la Confederazione «inviti queste persone a rimanere sul nostro territorio a tempo indeterminato, rinunciando così al rientro giornaliero e settimanale, al fine di non divenire dei vettori, spesso inconsapevoli, del virus».

«Già ieri (in un incontro con Berset, ndr) avevamo segnalato la necessità di monitorare di più le frontiere; cosa che è stata implementata», afferma Carobbio.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1