logo

I lupi potranno essere abbattuti più facilmente

È quanto prevede la modifica della legge federale sulla caccia, accolta oggi dal Consiglio degli Stati

Keystone
 
13
giugno
2018
11:28
ats

BERNA - In Svizzera l'abbattimento di lupi - ma anche di linci, castori e orsi - sarà facilitato. È quanto preconizza la modifica della legge federale sulla caccia, accolta oggi - con 28 voti contro 14 e 2 astenuti - dal Consiglio degli Stati. La revisione - contro cui potrebbe essere lanciato un referendum - prevede che la regolazione degli effettivi di alcune specie protette possa essere agevolata, al fine di impedire "grossi danni o pericoli" per l'uomo. Il dossier passa ora al Nazionale.

Il tema ha dato adito a un lungo e animato dibattito agli Stati, durato quasi sei ore tra la settimana scorsa e oggi, nel corso del quale la destra è riuscita in vari punti a rafforzare il progetto. Dal canto suo, la sinistra ha dapprima tentato invano di rinviarlo al Governo - proposta bocciata con 29 voti contro 14 - e poi di limitarne la portata. Nel voto finale, come era prevedibile, non ci sono state sorprese e nella proporzione di due a uno i "senatori" hanno accettato il progetto governativo, con le modifiche apportate dalla maggioranza di destra. In particolare, essa è riuscita a far passare una proposta che impedisce i ricorsi contro decisioni cantonali relative a specie che possono essere cacciate.

Regolazione facilitata del lupo

Sin dalla sua riapparizione nel 1995, lo statuto del lupo in Svizzera ha suscitato parecchie discussioni. "Si ha l'impressione che il solo problema del Paese sia il lupo", ha commentato la ministra dell'ambiente Doris Leuthard. Il Consiglio federale ha già sin d'ora annunciato che chiederà un suo declassamento da "specie assolutamente protetta" a "protetta" nell'ambito della Convenzione di Berna. Questa modifica deve essere portata davanti al Consiglio d'Europa.

Nel contempo, il Governo ha sottoposto al Parlamento una revisione della legge sulla caccia. Senza mettere in discussione lo statuto del lupo, la modifica legislativa prevede che il predatore possa essere abbattuto più facilmente in Svizzera. La revisione fa esplicitamente riferimento all'uccisione di animali isolati. I Cantoni non saranno inoltre più obbligati a provare un danno concreto. Previa consultazione dell'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM), potranno effettuare "interventi regolatori negli effettivi" non soltanto per i lupi, a anche per talune altre specie protette che sono fonte di controversie. Tra queste figurano lo stambecco, la lince o il castoro.

Dal canto suo, Roberto Zanetti (PS/SO) ha tentato invano di convincere il plenum che si aprirebbe la porta a ogni genere di abusi. Con 25 voti contro 20, il "senatore" socialista è tuttavia riuscito a far passare una sua proposta, affinché le regolazioni non avvengano a scapito della protezione dei biotopi e della conservazione della diversità delle specie.

Referendum in vista

Per le associazioni in difesa dell'ambiente e di protezione degli animali, ci si è però spinti troppo lontano. Per questo motivo esse hanno già minacciato il lancio del referendum contro il progetto, che è stato definito una "legge d'abbattimento". Nel frattempo, auspicano che il campo rosso-verde possa riuscire a limitarne la portata al Nazionale. "Il progetto non è equilibrato. Occorre prendere delle misure per fronteggiare il lupo, ma si è voluto rivedere completamente la legislazione", ha deplorato Robert Cramer (Verdi/GE).

La regolazione infatti non riguarda soltanto il lupo (dal primo settembre al 31 marzo), ma anche lo stambecco (dal primo agosto al 30 novembre) e altre specie. La Camera dei cantoni ha infatti deciso di inserire nell'articolo sulla regolazione degli effettivi pure il castoro (dal primo settembre al 15 marzo) e la lince (dal primo febbraio al 15 marzo). La revisione, infine, consentirà pure l'abbattimento di orsi solitari che penetrano in maniera regolare nei villaggi alla ricerca di cibo nonostante le misure di dissuasione.

Federalismo necessario

Non sarà il "Far West", ha tuttavia assicurato Werner Hösli (UDC/GL). Al contrario occorre lasciare un margine di manovra alle autorità locali, poiché la situazione varia fortemente da un cantone all'altro. Inoltre, le istanze cantonali hanno tutte le competenze necessarie in materia, hanno affermato diversi oratori.

Se non si prendono provvedimenti regolatori, gli effettivi dei lupi rischiano di aumentare massicciamente al punto da diventare incontrollabili, come in Francia, ha aggiunto Beat Rieder (PPD/VS). A suo avviso, il lupo non è minacciato in Europa e il suo statuto di protezione è eccessivo.

Pur sostenendo il progetto, il "senatore" Werner Lüginbühl (PBD/BE) ha invitato la destra e gli esponenti dei cantoni alpini a non spingersi troppo lontano, in particolare per quanto riguarda le condizioni poste per consentire misure di regolazione.

Prossimi Articoli

Spari in Turgovia, polizia interviene in forze

Una donna che si trovava in strada ad Amlikon, poco dopo le 18, ha esploso vari colpi di arma da fuoco e poi si è barricata in una casa

La mostra di cadaveri vietata a Losanna, in corso ora a Milano

Se per la città sul Lemano mancavano informazioni sull'origine dei corpi in esposizione, nel capoluogo lombardo l'evento si avvicina al record di presenze

Gli svizzeri sono i più ricchi al mondo

Nel periodo 2017-2018 il patrimonio medio per adulto si attesta a 530.240 dollari (526.700 franchi)

Edizione del 20 ottobre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top