logo

Migranti, “un sistema d'asilo comune in Europa”

È la proposta della consigliera federale Simonetta Sommaruga durante l'incontro informale dei ministri di giustizia e degli interni a Innsbruck

fotogonnella
 
12
luglio
2018
17:59
ats

BERNA - La questione migratoria non può essere risolta unicamente all'esterno delle frontiere europee. Occorre invece instaurare "un sistema d'asilo comune che preveda responsabilità condivise". Lo ha indicato oggi a Innsbruck, in Austria, la consigliera federale Simonetta Sommaruga.

All'incontro informale dei ministri di giustizia e degli interni dell'UE e dei Paesi associati a Schengen, Sommaruga ha ricordato che l'attuale situazione sul fronte dell'asilo "è calma". Il numero di domande depositate in Europa è infatti molto più contenuto rispetto agli ultimi anni.

Durante i colloqui, la consigliera federale si è detta stupita del fatto che i Paesi europei continuino a discutere le stesse misure proposte nel 2011 durante la primavera araba o nel 2015 durante l'ondata migratoria attraverso i Balcani.

A tutt'oggi, taluni Paesi puntano infatti unicamente a rafforzare le frontiere esterne dello spazio Schengen e a potenziare la collaborazione con i Paesi d'origine per agevolare i rinvii. L'idea discussa a Innsbruck, ossia allestire centri per richiedenti asilo all'esterno dello spazio Schengen, viene definita da Sommaruga "vaga" poiché "lascia aperti numerosi quesiti giuridici e politici".

La ministra di giustizia e polizia ha quindi invitato i suoi omologhi a investire almeno altrettanta energia nelle necessarie riforme del sistema d'asilo interno all'Europa. Tutti devono assumersi le proprie responsabilità in modo da sgravare i Paesi situati alle frontiere esterne dello spazio Schengen e assicurare che le persone bisognose di protezione possano effettivamente ottenerla.

Durante l'incontro, i ministri hanno inoltre parlato di lotta all'antisemitismo, di cooperazione di polizia e di lotta al traffico di esseri umani. Sommaruga si è anche intrattenuta personalmente con i ministri austriaco Horst Seehofer e italiano Matteo Salvini.

Prossimi Articoli

Davos, sì all'aumento dei costi di sicurezza per il WEF

Con 1.912 voti (62,89%) contro 1.128, ha accettato l'aumento della quota dovuta dal Comune per la copertura dei costi di sicurezza legati all'evento per il periodo 2019-2021

Automobile si rovescia, grave il conducente

Pauroso incidente sulla strada del Maloja - Il ferito è stato trasportato con la Rega all'ospedale di Coira

I grigionesi respingono l'iniziativa sulle lingue straniere

Gli scolari delle scuole elementari continueranno a studiarne due, in linea con quanto deciso dal Gran Consiglio

Edizione del 24 settembre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top