logo

Migranti, “un sistema d'asilo comune in Europa”

È la proposta della consigliera federale Simonetta Sommaruga durante l'incontro informale dei ministri di giustizia e degli interni a Innsbruck

fotogonnella
 
12
luglio
2018
17:59
ats

BERNA - La questione migratoria non può essere risolta unicamente all'esterno delle frontiere europee. Occorre invece instaurare "un sistema d'asilo comune che preveda responsabilità condivise". Lo ha indicato oggi a Innsbruck, in Austria, la consigliera federale Simonetta Sommaruga.

All'incontro informale dei ministri di giustizia e degli interni dell'UE e dei Paesi associati a Schengen, Sommaruga ha ricordato che l'attuale situazione sul fronte dell'asilo "è calma". Il numero di domande depositate in Europa è infatti molto più contenuto rispetto agli ultimi anni.

Durante i colloqui, la consigliera federale si è detta stupita del fatto che i Paesi europei continuino a discutere le stesse misure proposte nel 2011 durante la primavera araba o nel 2015 durante l'ondata migratoria attraverso i Balcani.

A tutt'oggi, taluni Paesi puntano infatti unicamente a rafforzare le frontiere esterne dello spazio Schengen e a potenziare la collaborazione con i Paesi d'origine per agevolare i rinvii. L'idea discussa a Innsbruck, ossia allestire centri per richiedenti asilo all'esterno dello spazio Schengen, viene definita da Sommaruga "vaga" poiché "lascia aperti numerosi quesiti giuridici e politici".

La ministra di giustizia e polizia ha quindi invitato i suoi omologhi a investire almeno altrettanta energia nelle necessarie riforme del sistema d'asilo interno all'Europa. Tutti devono assumersi le proprie responsabilità in modo da sgravare i Paesi situati alle frontiere esterne dello spazio Schengen e assicurare che le persone bisognose di protezione possano effettivamente ottenerla.

Durante l'incontro, i ministri hanno inoltre parlato di lotta all'antisemitismo, di cooperazione di polizia e di lotta al traffico di esseri umani. Sommaruga si è anche intrattenuta personalmente con i ministri austriaco Horst Seehofer e italiano Matteo Salvini.

Prossimi Articoli

Telefonate pubblicitarie indesiderate: condannato il direttore di un'azienda

I venditori avrebbero molestato clienti in tutta la Svizzera - Il Tribunale cantonale di San Gallo ha inflitto al dirigente una pena pecuniaria

“SRG-SSR non partecipi all'Eurovision Song Contest in Israele”

Raccolte più di mille firme per manifestare "contro l'oppressione che il regime israeliano infligge al popolo palestinese"

Scorte alimentari per far fronte a casi d'emergenza

Uno studio mostra che la maggior parte delle persone in Svizzera non sarebbe pronta ad affrontare un'interruzione dell'approvvigionamento - IL SONDAGGIO

Edizione del 20 novembre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top