Anche Ringier, Ringier Axel Springer Svizzera, Admeira e NZZ via da Publicitas

Dopo Tamedia altri grandi del settore lasciano l'agenzia pubblicitaria a causa dei crescenti ritardi nei pagamenti

Anche Ringier, Ringier Axel Springer Svizzera, Admeira e NZZ via da Publicitas

Anche Ringier, Ringier Axel Springer Svizzera, Admeira e NZZ via da Publicitas

ZURIGO - Dopo Tamedia (Vedi suggeriti), altri grandi del settore lasciano Publicitas lasciando l'agenzia pubblicitaria in difficoltà. Ad annunciare l'interruzione della collaborazione, ora, sono Ringier, Ringier Axel Springer Schweiz, Admeira e in ultimo il gruppo NZZ.

Anche loro giustificano l'operazione con "svariate richieste aperte". A guidare l'azione sarebbe in particolare l'insoddisfacente comportamento di Publicitas in materia di pagamenti. Già Tamedia aveva fatto sapere che alla base della sospensione del rapporto vi era il crescente ritardo nei pagamenti da parte di Publicitas. "La lunga serie di scadenze non rispettate e di promesse di pagamento non mantenute accumulatesi negli ultimi mesi non ci lasciano nessun'altra scelta", aveva dichiarato, in una nota, il responsabile della pubblicità di Tamedia, Marcel Kohler

"Dal punto di vista imprenditoriale, non era più responsabile continuare la collaborazione con Publicitas tramite Admeira", ha aggiunto Alexander Theobald, CEO di Ringier Svizzera.

Dopo l'annuncio di queste nuove interruzioni, questa mattina il sito Web di Publicitas non era più attivo. L'agenzia pubblicitaria, ieri, dopo l'annuncio dato da Tamedia, aveva fatto sapere di dover lavorare a un piano di ristrutturazione per la stabilizzazione dell'attività a medio termine.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca
  • 1
    dibattito

    «Entrambi i sessi sono indispensabili»

    A Berna si discute dell’accesso alla medicina riproduttiva per coppie lesbiche - Secondo l’Associazione genitori non affidatari i bambini hanno bisogno di una madre e di un padre - Per Andrea Büchler, esperta di diritto ed etica, riferimenti maschili son sì necessari, ma non per forza un papà

  • 2
  • 3
    salute

    Mal di schiena in forte aumento in Svizzera

    Stando a un’indagine della Lega svizzera contro il reumatismo, nove anni fa i partecipanti che dichiaravano di soffrire di mal di schiena più volte alla settimana o al mese erano il 39%, mentre nel 2020 sono diventati il 50%

  • 4
  • 5
  • 1