Avvistati i rottami dell'F/A-18, non il pilota

È arrivata la conferma da un portavoce dell'esercito - I resti del velivolo ritrovati su una vetta di 3.440 metri a Sudovest del Sustenhorn

Avvistati i rottami dell'F/A-18, non il pilota
Il comandante Felix Stoffel durante la conferenza stampa con le ultime novità.

Avvistati i rottami dell'F/A-18, non il pilota

Il comandante Felix Stoffel durante la conferenza stampa con le ultime novità.

Avvistati i rottami dell'F/A-18, non il pilota

Avvistati i rottami dell'F/A-18, non il pilota

Avvistati i rottami dell'F/A-18, non il pilota
Daniel Reist, portavoce dell'Esercito.

Avvistati i rottami dell'F/A-18, non il pilota

Daniel Reist, portavoce dell'Esercito.

Avvistati i rottami dell'F/A-18, non il pilota

Avvistati i rottami dell'F/A-18, non il pilota

Avvistati i rottami dell'F/A-18, non il pilota

Avvistati i rottami dell'F/A-18, non il pilota

Avvistati i rottami dell'F/A-18, non il pilota
Daniel Reist, portavoce dell'Esercito.

Avvistati i rottami dell'F/A-18, non il pilota

Daniel Reist, portavoce dell'Esercito.

Avvistati i rottami dell'F/A-18, non il pilota
Daniel Reist, portavoce dell'Esercito.

Avvistati i rottami dell'F/A-18, non il pilota

Daniel Reist, portavoce dell'Esercito.

Avvistati i rottami dell'F/A-18, non il pilota

Avvistati i rottami dell'F/A-18, non il pilota

Avvistati i rottami dell'F/A-18, non il pilota

Avvistati i rottami dell'F/A-18, non il pilota

Avvistati i rottami dell'F/A-18, non il pilota

Avvistati i rottami dell'F/A-18, non il pilota

Avvistati i rottami dell'F/A-18, non il pilota
Tre elicotteri militari sorvolano la zona impervia sopra il Susten.

Avvistati i rottami dell'F/A-18, non il pilota

Tre elicotteri militari sorvolano la zona impervia sopra il Susten.

Avvistati i rottami dell'F/A-18, non il pilota

Avvistati i rottami dell'F/A-18, non il pilota

Avvistati i rottami dell'F/A-18, non il pilota

Avvistati i rottami dell'F/A-18, non il pilota

Avvistati i rottami dell'F/A-18, non il pilota

Avvistati i rottami dell'F/A-18, non il pilota

Avvistati i rottami dell'F/A-18, non il pilota

Avvistati i rottami dell'F/A-18, non il pilota

Avvistati i rottami dell'F/A-18, non il pilota

Avvistati i rottami dell'F/A-18, non il pilota

BERNA - L'aereo militare F/A-18 scomparso ieri pomeriggio nella regione del passo del Susten è stato ritrovato. Ancora nessuna traccia, invece, del pilota. I rottami sono stati avvistati verso mezzogiorno da un elicottero dell'esercito nella zona dell'Hinter Tierberg, una vetta di 3440 metri a sudovest del Sustenhorn, al confine tra il canton Berna e la valle urana di Göschenen.

La zona non era accessibile stamane a piedi a causa delle cattive condizioni meteorologiche, scrive il Dipartimento federale della difesa (DDPS) in una nota. Specialisti della montagna dovevano essere portati sul posto in elicottero per essere calati con funi sul luogo dello schianto non appena possibile. Le ricerche erano state sospese ieri sera e sono riprese nelle prime ore del mattino. Il colonnello Felix Stoffel, capo del Corpo degli aviatori di professione ed ex pilota di F/A-18, ha spiegato oggi in una conferenza stampa convocata a Berna che fino a questo pomeriggio la regione del Susten era coperta da nubi per cui non è stato possibile sorvolare prima l'area alla ricerca del pilota.

La localizzazione del cacciabombardiere si è rivelata difficile non solo per la meteo sfavorevole: gli F/A 18, ha detto Stoffel, sono dotati di tre emettitori, uno per l'apparecchio, uno per il seggiolino eiettabile e uno per il pilota. Gli emettitori, dopo lo schianto, hanno inviato segnali di emergenza, ma secondo quanto è stato spiegato per una durata troppo breve per permettere l'individuazione precisa del luogo dell'incidente.

Simili dispositivi, ha aggiunto il colonnello Pierre de Goumoëns, pilota di F/A-18 e ufficiale superiore addetto del comandante delle Forze aeree Aldo Schellenberg, sono stati concepiti per portare soccorso e recuperare il pilota in caso di abbattimento: non sono però stati costruiti per resistere a un violento impatto contro una parete rocciosa.

I detriti dell'aereo sono stati localizzati in una zona ricoperta di neve e ghiaccio, con molti crepacci, circondata da ripide pareti rocciosa. Sotto una cresta è stata notata una superficie annerita, della lunghezza di un camion e sono state avvistate sulle pendici della montagna parti dell'aereo, ridotto in piccoli frammenti. Sulla dinamica dell'incidente i due ufficiali non hanno fornito nessuna informazione, rimandando all'inchiesta nel frattempo avviata dalla giustizia militare. Il DDPS, ricostruendo l'accaduto, ha detto che le Forze aeree hanno perso il contatto con l'F/A-18 verso le 16.05 di ieri, qualche minuto dopo il decollo dall'aerodromo militare di Meiringen (BE). Il cacciabombardiere, assieme a un apparecchio dello stesso tipo, doveva ingaggiare un combattimento contro un F/5 Tiger, nell'ambito di un esercizio di addestramento. Il pilota ha risposto normalmente a una prima chiamata via radio della centrale, ma non ha più risposto a una seconda. Da quel momento è dato per disperso.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cronaca
  • 1